Cronaca

In arresto per furto delle offerte in chiese, ma si sospetta sia ladro seriale

In carcere, un 30enne di Gagliano, c'è finito per appena 10 euro. Ma le indagini potrebbero svelare anche altro

ALESSANO – E’ finito in carcere per un furto, nemmeno riuscito, di appena 10 euro in monetine. Le aveva sottratte da una cassetta delle offerte della chiesa di Sant’Antonio, ad Alessano.  

Donatello Raona, 30enne di Gagliano del Capo, è stato arrestato questa mattina dagli stessi carabinieri che, per quella vicenda, l’avevano denunciato a piede libero nell’immediatezza dei fatti, ovvero la mattina del 22 giugno. Essendo affidato in prova ai servizi sociali, visti i numerosi precedenti già accumulati, l’Ufficio di sorveglianza ha ritenuto che dovesse essere sollevato dal beneficio, disponendo l’arresto.

Raona si era introdotto nella chiesa di Alessano e aveva scassinato con un attrezzo metallico la cassetta delle offerte votive. Arraffati 10 euro, forse sarebbe passato a rubare anche dalle altre cassette. Nel frattempo, però, erano già stati avvisati i carabinieri della stazione di Alessano che, arrivati, l’avevano colto con le mani nel sacco. Era ancora in chiesa.

RAONA DONATELLO.-5Nelle tasche, oltre alla refurtiva, aveva anche un grammo di hashish. Denunciato per furto aggravato e detenzione di sostanza stupefacente, i soldi erano stati restituiti al parroco, che aveva poi dovuto provvedere alla riparazione della cassetta delle offerte. Lo stupefacente, invece, era stato posto sotto sequestro.

Questa mattina, l’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere. E non è tutto. Sono al momento in corso indagini per chiarire eventuali responsabilità dello stesso individuo in merito ad altri furti commessi nella zona. I militari stanno cercando di capire se sia stato notato nelle vicinanze di luoghi in cui sono stati commessi altri reati. E non si escludono novità a breve.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In arresto per furto delle offerte in chiese, ma si sospetta sia ladro seriale

LeccePrima è in caricamento