Cronaca Via Scalelle

Fora una ruota di notte, si fermano in due: "Ti aiutiamo noi". Ma tentano di violentarla

Agghiacciante episodio la notte scorsa su via Scalelle, strada interna che congiunge Alezio a Gallipoli. Vittima, una 25enne rimasta in panne con l'auto. Ha lottato con tutte le sue forze contro gli aggressori, scappati al passaggio di altre autovetture

GALLIPOLI – Si sono fermati per prestarle aiuto. Così le hanno detto. La volontà di darle una mano con quella ruota, le rassicurazioni. Due perfetti gentiluomini piombati nel cuore della notte a soccorrere una ragazza in difficoltà, con l’auto in panne in un punto non proprio felice, quella via Scalelle, lunga e tortuosa strada secondaria che collega Alezio a Gallipoli, che rappresenta un’alternativa alla più dritta e agevole strada provinciale 361. Ma, dietro la maschera, due demoni assatanati. Tanto che l’aiuto si sarebbe trasformato pochi istanti dopo in un’aggressione a sfondo sessuale, davanti al quale, però, lei si è difesa in ogni modo.

Un orribile episodio, quello avvenuto nella notte appena trascorsa, che peraltro segue di pochi giorni il caso delle turiste venete che sarebbero state fatte ubriacare da due 35enni in un locale del lungomare, con l’intento di abusarne dopo averle condotte in una casa fuori città. Ancor più cruda la vicenda di oggi, con una giovane di 25 anni, residente nel Piemonte, che s’è trovata all’improvviso in balia di due uomini.

I due sono arrivati a bordo di un’autovettura bianca, non meglio indicata, considerando il buio, e vedendola  in difficoltà, avrebbero deciso di approfittarne, con la scusa di soccorrerla. Tale sarebbe stata la violenza, da bloccarla e strapparle anche alcuni indumenti di dosso. Ma ha prevalso l’istinto di sopravvivenza, al punto che vi è stata una vera e propria lotta. E alla fine i due sono stati obbligati a svignarsela, anche perché, per quanto possa essere secondaria via Scalelle, il passaggio di veicoli non manca, nemmeno all’una di notte, momento in cui si è verificato il fatto. 

La ragazza, rimasta per terra, fortunatamente alla fine è stata soccorsa. L'attendendevano alcuni amici, a Gallipoli, e devono essersi preoccupati del suo ritardo. Sono poi intervenuti i carabinieri del nucleo operativo radiomobile di Gallipoli e, dopo una notte tormentata, questa mattina è stata presentata denuncia presso la stazione dei militari di Alezio, cioè del territorio in cui si è consumata la vicenda.

La 25enne si è recata anche in ospedale, presso il “Sacro Cuore di Gesù” di Gallipoli. Lividi e graffi sul collo e altre parti del corpo lasciano pochi spazi a dubbi circa la brutalità di cui è rimasta vittima. La prognosi è di sette giorni. Una pessima pagina di cronaca sulla quale i carabinieri intendono fare luce al più presto. Si proverà a rintracciare i due da diversi dettagli forniti dalla vittima. In questo caso, si tratta sicuramente di italiani, probabilmente non della zona, sebbene su questo punto non si abbiano per ora conferme ufficiali. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fora una ruota di notte, si fermano in due: "Ti aiutiamo noi". Ma tentano di violentarla

LeccePrima è in caricamento