Fiamme di notte all'esterno dell'azienda, si sospetta l'atto doloso

L'incendio attorno all'una nella Novaleas di Alezio, specializzata in arredi per ristoranti e bar. Sul posto i vigili del fuoco e i carabinieri. Bruciati del materiale e un muletto. Si vaglieranno le videocamere esterne

ALEZIO – La prova provata ancora non c’è, ma i carabinieri un’idea se la stanno facendo. Difficile che sia stato accidentale l’incendio divampato nel corso della notte all’esterno del capannone della Novalaes di Alezio (sulla provinciale per Taviano), azienda specializzata in arredi e attrezzature per la ristorazione e i bar. Questo, dopo un primo sopralluogo svolto sul posto. Ma vi saranno altri accertamenti e, soprattutto, si spera che qualcosa possa emergere dalla visione del sistema di videosorveglianza sul perimetro dell’edificio.

L’incendio è divampato poco dopo l’una di notte all’esterno del capannone. Le fiamme hanno colpito del materiale depositato nei pressi di un magazzino, attecchendo anche su un muletto, il carrello elevatore che serve per spostare oggetti particolarmente pesanti. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli che, in breve, hanno domato le fiamme, prima che potessero eventualmente provocare altri problemi. Il danno, dunque, è stato tutto sommato contenuto, non coinvolgendo la parte interna. Ma su quanto avvenuto, ora spetta agli investigatori dell’Arma fare chiarezza.

Le indagini sono in mano ai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Gallipoli e della stazione aletina. I militari sono in via di acquisizione dei filmati, ma non è affatto detto che si veda qualcosa. Le fiamme, infatti, si sono sviluppate davanti a un deposito, in un punto meno esposto, in cui probabilmente non arriva la copertura degli occhi elettronici. E se davvero qualche malintenzionato, per motivi da accertare, ha scavalcato il cancello esterno e appiccato le fiamme, potrebbe essere stato al corrente di questo fatto, dopo aver studiato l’edificio. Ipotesi, appunto. Per il momento.      

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Coronavirus “sensibile” ai fattori ambientali: studio di un fisico su temperatura ed escursioni termiche

Torna su
LeccePrima è in caricamento