rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
0 °
Cronaca Caprarica di Lecce

All’alt dei carabinieri, tentò la fuga. In casa nascondeva cocaina: due anni

Emessa la sentenza in Appello per Antonio Pantaleo Mazzeo, il 32enne di Caprarica di Lecce arrestato il 23 maggio del 2020 per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale

CAPRARICA - Più che dimezzata in appello la condanna nei riguardi di Antonio Pantaleo Mazzeo, il 32enne di Caprarica di Lecce arrestato il 23 maggio del 2020 per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale. Da cinque anni inflitti dalla giudice Alessandra Sermarini nel processo di primo grado discusso in abbreviato, la pena è diventata di due anni di reclusione e mille euro di multa. Questo in considerazione del fatto che è stata riconosciuta l’ipotesi di lieve entità del reato sostenuta dall’avvocato difensore Silvio Verri. La sentenza è stata emessa dalla Corte presieduta dal giudice Vincenzo Scardia, su richiesta delle parti.

Dopo il verdetto, sono stati revocati i domiciliari concessi a Mazzeo qualche giorno dopo il suo arresto in carcere, dopo l’interrogatorio di convalida davanti alla gip Cinzia Vergine.

Tutto ebbe inizio quando, durante un controllo, alla richiesta dei carabinieri del Nor di Lecce di esibire i documenti di identità, il 37enne che si trovava alla guida di una Citroen C3 anziché fermarsi si diede alla fuga, ripartendo velocemente in retromarcia.

A quel punto, ci fu uno spericolato inseguimento terminato dopo due chilometri nel centro di Caprarica e in seguito al quale, scattò la perquisizione personale e domiciliare.

In casa i militari dell’Arma, supportati da un’unità cinofila della guardia di finanza di Lecce, trovarono 18,89 grammi di cocaina, che furono sequestrati con materiale ritenuto utile al confezionamento delle dosi, un bilancino di precisione e la somma di 400 euro.

Oltre a Mazzeo, l’arresto (ai domiciliari) fu disposto anche per la donna seduta accanto a lui in auto al momento dell’inseguimento, risultata poi totalmente estranea alle accuse.

Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro novanta giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All’alt dei carabinieri, tentò la fuga. In casa nascondeva cocaina: due anni

LeccePrima è in caricamento