menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

All’aria aperta, senza un valido motivo: denunciati altri 157 disobbedienti

E’ il dato raccolto solo negli ultimi due giorni dai carabinieri delle compagnie di Lecce, Casarano, Campi Salentina, Maglie e Tricase impegnati a verificare il rispetto delle disposizioni governative

LECCE - Stare in casa è un obbligo: è l’unico modo per contenere il contagio del Coronavirus e dovrebbe essere un comportamento da adottare per buon senso prima ancora che per rispetto delle disposizioni del Governo.

Questo però non è ancora chiaro a molti. Solo negli ultimi due giorni, i carabinieri hanno denunciato 157 cittadini che, fermati per strada, non hanno saputo fornire una valida giustificazione(di lavoro, necessità, salute): 10 (su 80 persone e 45 veicoli controllati) dai militari della compagnia di Lecce, gli stessi che nella giornata di domenica ne avevano denunciati altri 24 (su 73 persone e 41 veicoli controllati); 71 (su 124 persone e 98 veicoli) dai carabinieri della compagnia di Casarano; 4 (su 52 persone e 52 veicoli) dai colleghi di Campi Salentina; 28 (su 89 persone e 41 veicoli fermati) dai militari della compagnia di Maglie; 20 (su 65 individui e 52 veicoli) dagli uomini della compagnia di Tricase.

L’accusa per tutti è di aver violato l’articolo 650 del codice penale: “Chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall’Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica, o d’ordine pubblico o d'igiene, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato, con l'arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a 206 euro”. Ricordiamo che l’ammenda non è la multa del vigile, ma una condanna che macchia la fedina penale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento