Dal 2014 la casa allacciata abusivamente alla rete elettrica: dentro anche droga

Un 30enne di Torre Rinalda, la marina leccese, ristretto ai domiciliari dopo un’ispezione delle forze dell’ordine

Foto di repertorio.

TORRE RINALDA (Lecce) – I carabinieri eseguono un controllo nella sua abitazione: trovano piccole dosi di droga e un allaccio abusivo alla rete elettrica sin dal 2014. Fabio Saracino, 30enne residente a Torr Rinalda, ha ricevuto la “visita “dei carabinieri. I militari della stazione di Surbo, assieme ai colleghi del Nucleo cinofilo di Modugno, lo hanno infatti arrestato dopo una perquisizione nell’abitazione della marina leccese.

Dal controllo, infatti, è emerso che il 30enne si era collegato con il servizio di erogazione di energia elettrica completamente a “scrocco”. SARACINO FABIO-2All’interno dell’appartamento, inoltre, sequestrati pochi grammi di hashish e marijuana. Saracino è stato ristretto ai domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso della mattinata, inoltre, i militari di Alessano hanno invece fermato Sergio Ingoglia, un 43enne residente nella cittadina del basso Salento, con l’accusa di furto aggravato. Dovrà espiare una pena di due mesi e 20 giorni di reclusione, per il reato commesso nel novembre del 2009. È stato ristretto ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento