Allarme bomba sulla linea ferroviaria. Salentini bloccati per ore nel chietino

Numerosi passeggeri di rientro dalle vacanze e diretti al nord, sono giunti a destinazione in ritardo a causa di alcuni rallentamenti all'altezza di Vasto, in Abruzzo. Una telefonata ha, infatti, segnalato la presenza di una bomba, creando disagi. Il traffico è ripreso intorno alle 20, in entrambe le direttrici

Un convoglio di Trenitalia (Foto di repertorio)

LECCE - E’ stato un rientro dalle vacanze movimentato per i numerosi salentini in viaggio verso il nord dello Stivale. Fortunatamente, si è trattato soltanto di un allarme. Ma tanto è bastato a creare panico sui convogli Trenitalia diretti a Milano e Venezia. Un pomeriggio complesso per i numerosi salentini di ritorno - chi per studio, chi per lavoro -  dai  festeggiamenti trascorsi nelle rispettive famiglie.

La linea ferroviaria adriatica è stata trasformata in un enorme posto di blocco, presidiato dagli agenti della Polfer. Le verifiche, da parte dei poliziotti, sono state effettuate nelle stazioni di Casalbordino e Vasto, in provincia di Chieti, per un allarme bomba.

Una telefonata anonima ha infatti segnalato la presenza di un ordigno, facendo scattare subito i controlli che hanno portato a notevoli rallentamenti sul traffico tra l'Abruzzo e le altre regioni.  Un rallentamento che ha riguardato sia i treni  lunga percorrenza, con numerosi leccesi a bordo, sia  i convogli regionali.

Ripristinata la normalità, intorno alle 20, la circolazione è ripresa lentamente, sia verso sud che in direzione nord, portandosi però dietro un ritardo fino a circa quattro ore. Il primo a ripartire è stato il "Freccia Bianca" proveniente da Milano e diretto nel capoluogo salentino. Sul posto sono anche giunti i poliziotti del commissariato di Vasto, per aiutare i colleghi della Polfer.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Lecce usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento