Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Alleggeriva i bagnanti in spiaggia, viene tradita da un vistoso tatuaggio

Una ragazza bolognese nei guai per una serie di furti di cellulari e altri oggetti ai danni di bagnati a Torre dell'Orso

MELENDUGO – A tradirla è stato soprattutto un vistoso tatuaggio su una gamba. Giulia Benevelli, bolognese, già nota alle forze dell’ordine, sta passando un inatteso soggiorno a Borgo San Nicola. Non proprio meta di vacanza. E’ stata arrestata, infatti, per furto aggravato continuato. Sarebbe stata lei ad aggirarsi tra gli ombrelloni, rubando dalle borse dei bagnanti gli oggetti più disparati, a Torre dell’Orso, marina di Melendugno.

Ad arrestarla sono stati i carabinieri, che hanno ricostruito i suoi movimenti. Sembra che attraversasse i vari lidi per alleggerire le borse e i vestiti dei bagnanti, approfittando di qualche momento di distrazione o dell’allontanamento momentaneo. Con questo caldo assurdo, uno o più tuffi a mare sono  necessari. Ma possono anche costare caro.

Fine osservatrice, non sapeva però che tra i bagnanti c’erano altri con acuto senso di osservazione che, dopo essersi recati a prendere velocemente un caffè, ritornati sotto l’ombrellone, si erano resi conto che a uno di loro era stato sottratto il telefono. Accorgendosi anche che quella ragazza bionda, piuttosto appariscente, con un vistoso tatuaggio, dopo essersi trattenuta un bel po’ in zona senza un apparente motivo, era sparita, non prima di essere notata dai vicini di ombrellone del malcapitato e scambiata per la sua fidanzata, mentre rovistava tra i suoi vestiti.

BENEVELLI Giulia-2Avvisato il gestore del lido, la descrizione della ragazza è stata diramata tra gli altri lidi vicini e i bagnini. Nel frattempo, erano stati avvisati anche i carabinieri. Proprio l’identikit ha permesso ad alcuni bagnini di individuare la ragazza, mentre stava lasciando il litorale e si stava dirigendo all’interno della pineta. Bloccata, alla presenza dell’ultimo bagnante a cui era stato sottratto il cellulare, non ha potuto fare altro che ammettere le proprie responsabilità, magari sperando di farla franca, recandosi con le persone che l’avevano fermata presso la propria autovettura, e restituendo sia il telefono al malcapitato bagnante, sia altri oggetti derubati poco prima ad altre ignare persone.

E mentre i carabinieri  hanno preso in consegna anche un altro telefono cellulare e due portafogli da donna presi dalla ragazza all’interno della propria auto, è emerso che altri tre diversi bagnanti avevano subito un furto e non avevano ancora formalizzato l’accaduto. Rintracciati, sono stati invitati in caserma. I militari, ascoltate le varie testimonianze e accolte le denunce, dopo aver restituito la refurtiva ai legittimi proprietari, hanno proceduto ad informare dell’accaduto il pm di turno, Stefania Mininni, che ha disposto l’arresto e il trasporto in carcere per Giulia Benevelli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alleggeriva i bagnanti in spiaggia, viene tradita da un vistoso tatuaggio

LeccePrima è in caricamento