Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Amministrative avvelenate, il monito dell'arcivescovo: “Sotterrate le asce e rimboccatevi le maniche”

Monsignor Michele Seccia interviene sul grave episodio intimidatorio avvenuto all’indomani della conclusione del ballottaggio, ai danni del deputato dem Claudio Stefanazzi e dell'assessore regionale Alessandro Delli Noci

LECCE - L’arcivescovo di Lecce Michele Seccia interviene sul grave episodio intimidatorio avvenuto all’indomani della conclusione del ballottaggio che ha decretato la vittoria di Adriana Poli Bortone a sindaca della città. Un plico con una lettera di minacce, con chiari riferimenti alle recenti amministrative, e con un proiettile, è stata recapitata martedì scorso in casa del deputato dem Claudio Stefanazzi ed era indirizzata oltre che a questi anche all'assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia Alessandro Delli Noci (come riportato in precedenti articoli).

“Non ci sono parole per commentare l’ignobile fatto di cronaca che in questi giorni - come se non bastassero i veleni della campagna elettorale per l’elezione del sindaco di Lecce appena conclusa – ha ancor di più turbato la quotidianità della vita dei leccesi”: è l’incipit del commento dell’arcivescovo che riportiamo di seguito integralmente.
“Non basta lo sdegno, la mia è una netta condanna al vile gesto compiuto ai danni dei due esponenti politici. Lavorare insieme per il bene comune, come ho ribadito l’altro giorno rivolgendo il mio augurio al nuovo sindaco della città, è una scelta nobile che non ammette pause e soprattutto non può essere oggetto di insulti, ingiurie, intimidazioni e tantomeno di minacce, velate o palesi che siano.
Mentre confermo la mia stima, la mia personale vicinanza e la solidarietà di tutta la comunità diocesana nei confronti di Stefanazzi e Delli Noci, spero tanto che gli investigatori, nell’esercizio del loro silenzioso e lodevole servizio, risalgano al più presto agli autori di tale atto criminoso perché chi lo ha commesso venga punito secondo ciò che prescrivono le regole di sana convivenza.
Ai vincitori e ai vinti, agli eletti e ai non eletti chiedo un atto di coraggio: sotterrate le asce della ‘battaglia elettorale’ e rimboccatevi le maniche del confronto dialettico affinché la rappresentanza civica assegnata dal voto democratico sia ai membri della maggioranza che a quelli dell'opposizione, che si presume siano i 'migliori' tra noi, divenga strumento di unità e concorra al bene comune.
A tutti i cittadini leccesi auguro giorni migliori affinché la pace sociale torni a essere il leit motiv della vita della comunità civile alla ricerca continua di un fecondo dialogo che può generare solo frutti di sviluppo e di benessere per tutti, soprattutto per i più bisognosi”.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amministrative avvelenate, il monito dell'arcivescovo: “Sotterrate le asce e rimboccatevi le maniche”
LeccePrima è in caricamento