Anche il Salento piange per il rogo nelle acciaierie

Incidente nella ThyssenKrupp: ieri mattina è morto il quinto operaio, Rocco Marzo, di 54 anni, originario di Alezio, ricoverato alle Molinette dal 6 dicembre. Era sposato e padre di due figli piccoli

Il rogo nell'acciaieria di Torino, la ThyssenKrupp, fa un'altra vittima, e questa volta a piangere è anche il Salento. Ieri mattina è infatti morto il quinto operaio: Rocco Marzo, di 54 anni, originario di Alezio, ricoverato alle Molinette dal 6 dicembre, giorno del drammatico incidente. L' operaio, sposato e padre di due figli di 26 e 22 anni, nei giorni scorsi era stato sottoposto a due interventi chirurgici durante i quali gli era stata asportata parte della cute carbonizzata. Rocco Marzo, capoturno, insieme con i colleghi della linea 5 era stato investito dall'olio bollente e infiammato. Inutile qualsiasi tentativo di salvarlo, troppo gravi le ferite riportate. Una notizia che ha raggiunto il Salento ieri in tarda mattinata.Rocco Marzo è uno dei tanti salentini che ha lasciato il suo paese e la sua terra, in questo caso Alezio, per cercare una vita migliore, a chilometri di distanza. Ora la sua terra non la vedrà più. Da più parti è arrivato alla sua famiglia il cordoglio per questa ennesima, assurda morte sul lavoro.

"Non è giustificabile, in modo alcuno, che tali incidenti accadano -commenta il consigliere provinciale di An Pasquale Gaetani- negli ultimi mesi non c'è stato giorno in cui, aprendo i giornali, non sia saltata agli occhi la notizia riguardante episodi di decessi sul luogo di lavoro. È giunta l'ora che la politica riponga nel cassetto le bandiere e che dia vita ad una grande azione di concerto allo scopo di realizzare una legge in materia che restituisca sicurezza e dignità ai nostri operai. Il capitale e l'arricchimento esagerato non possono calpestare la dignità e la vita delle persone."
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Intanto restano gravi le condizioni di altri due operai, entrambi ventiseienni, Giuseppe Demasi, ricoverato al Cto, e Rosario Rodinò, che si trova al Centro grandi ustionati di Genova. Solo pochi giorni fa erano stati celebrati i funerali degli altri operai morti nell'esplosione. La Procura torinese ha aperto un'inchiesta in cui si configurano i reati di omicidio colposo, disastro e lesioni colpose, e in cui al momento risultano indagati tre dirigenti dell'azienda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento