Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Melendugno

Ancora un malore fatale sulla spiaggia, deceduto un 76enne a San Foca

Un anziano di Martignano si è sentito male ed è spirato per un arresto cardiaco sul litorale della marina nei pressi della baia dove insiste il lido Mora Mora. Sul posto l’intervento dei sanitari del 118 e dei carabinieri di Melendugno. A Pescoluse bagnanti in difficoltà

SAN FOCA (Melendugno) – Anche questa volta l’intervento seppur tempestivo dei personale di salvatggio e dei sanitari del 118, non ha potuto evitare il tragico epilogo. Un altro malore in spiaggia, purtroppo un infarto fulminante, ha causato la morte di un anziano bagnante di 76anni, originario di Martignano, Luigi Leto.  

L’uomo nella tarda mattinata di oggi si è sentito male mentre si trovava sul litorale di San Foca, la marina di Melendugno, nella baia in cui insiste lo stabilimento Mora Mora, nel tratto ricompreso tra la spiaggetta e la scogliera che ospita anche il chiosco.

Preso coscienza di quanto stava avvenendo nei pressi della riva sono subito stati allertarti i soccorsi e oltre ai bagnini dello stabilimento sul posto è giunta un ambulanza del 118. I sanitari intervenuti non hanno potuto far nulla per stappare il 76enne alla morte, avvenuta per un arresto cardiaco.

Segnalato l’accaduto sul posto si sono recati anche i carabinieri della stazione di Melendugno e il personale della delegazione di spiaggia di San Foca.

IMG-20210806-WA0004-3

A Pescoluse bagnanti in difficoltà            

Provvidenziale invece l’intervento di ieri mattina a Pescoluse, dove il mare era alquanto agitato per via del vento, e dove la prontezza di un luogotenente dell’Esercito (in vacanza nella marina di Salve) e di un'altra ragazza è servito per impedire guai peggiori a quattro persone che erano in mare e che si sono trovate in forte difficoltà.

Mentre il militare leccese, Antonio Villani, stava facendo il bagno ha sentito alcuni bagnanti che poco più distanti chiedevano aiuto. Erano due coppie, di ragazzi e ragazze che si erano allontanate al largo, e in un primo momento sembrava che stessero scherzando tra loro. Invece le loro richieste di aiuto si sono rivelate veritiere e quando Villani e un'altra villeggiante si  sono resi conti del pericolo in corso si sono subiti diretti a nuoto verso i malcapitati che si  trovavano in difficoltà.

Raggiunta la prima coppia i due soccorritori hanno fatto in modo di farli aggrappare ad un materassino e metterli in sicurezza. Hanno poi recuperato anche gli altri ragazzi in difficoltà, trascinandoli poi a fatica, a nuoto, verso la riva. Il gruppo è stato poi raggiunto anche dai bagnini e dal personale del noleggio dei pedalò una volta che gli stessi si sono resi conto che si era generata la situazione di pericolo.

Una volta raggiunta la spiaggia per uno dei ragazzi è stato necessario richiedere l’intervento di un’ambulanza che è giunta sul posto. Stremato dalla traversata, e più volte travolto dalle onde, il giovane è stato trasportato poi in ospedale, ma solo a scopo precauzionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora un malore fatale sulla spiaggia, deceduto un 76enne a San Foca

LeccePrima è in caricamento