Cronaca

Anziana salvata dagli agenti di polizia. Non rispondeva da due giorni ai parenti

La donna, di 83 anni, era riversa per terra, nel bagno. Era stata da poco dimessa dall'ospedale, per un'ischemia cerebrale. I poliziotti hanno rotto una porta-finestra ed hanno fatto irruzione in casa. Condotta al "Ferrari"

 

RUFFANO – Hanno rotto il vetro della porta-finestra d’ingresso e sono entrati in casa, trovandola in stato di semicoscienza, riversa per terra, nel bagno. Una donna di 83 anni di Ruffano è stata salvata dagli agenti di polizia del commissariato di Taurisano e poi condotta in ospedale, al “Ferrari” di Casarano, dov’è arrivata in codice rosso. La diagnosi è “di sospetto disturbo di circolo cerebrale con deficit lato destro”.

Erano due giorni che i parenti non avevano notizie dell’anziana. Preoccupati del fatto che non rispondesse al telefono e al citofono, e considerando che era stata da poco dimessa dall’ospedale di Lecce per un episodio d’ischemia cerebrale, avvenuto la sera del 13 giugno, nel corso della celebrazione religiosa in onore di Sant’Antonio, hanno deciso di chiedere l’intervento della polizia.

Gli agenti della sezione volanti, arrivati di fronte all’abitazione dell’anziana, alla presenza dei familiari, hanno infranto un vetro e sono entrati. L’anziana si trovava rannicchiata in un piccolo spazio tra la vasca da bagno e il lavandino. Gli agenti hanno constatato come fosse in vita, anche se le condizioni non lasciavano presagire nulla di buono: ha risposto in modo incomprensibile ad una semplice domanda, ovvero se ricordasse il momento in cui era caduta in terra. Per questo motivo, è stato richiesto l’immediato intervento del 118 per il ricovero. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziana salvata dagli agenti di polizia. Non rispondeva da due giorni ai parenti

LeccePrima è in caricamento