Cronaca

Appalto da 58 milioni nell'Aro Lecce 8: via libera all'aggiudicazione

Respinto il ricorso cautelare contro l'esclusione della Igeco Costruzioni e l'affidamento del servizio a Gial Plast e Bianco Igiene Ambientale

La sede del Tar di Lecce.

LECCE - Via libera all'affidamento dell'appalto da 58 milioni per la raccolta dei rifiuti nell'Aro Lecce 8. I giudici della Terza Sezione hanno infatti respinto il ricorso cautelare proposto da Igeco Costruzioni contro l'esclusione decisa dalla commissione di gara e l'aggiudicazione al raggruppamento formato da Gial Plast di Taviano e Bianco Igiene Ambientale di Nardò.

L'appalto, del valore di 60 milioni di euro e di durata novennale, interessa oltre al comune di Tricase, che è capofila, anche quelli di Alessano, Tiggiano, Castrignano del Capo, Corsano, Gagliano del Capo, Morciano di Leuca, Patù, Salve, molti dei quali in regime di proroga sin dal 2010. Sono interessati circa 50mila abitanti.

Per i giudici amministrativi la condotta della commissione di gara è legittima, così come l'aggiudicazione al raggruppamento formato da Gial Plast e Bianco Igiene Ambientale, difese in giudizio dagli avvocati Pietro e Luigi Quinto. Il bando prevedeva l'attivazione di almeno un centro aziendale nel territorio interessato e l'eventuale ricorso agli ecocentri comunali di raccolta, molti dei quali però non sono stati nemmeno realizzati. La proposta di Igeco, così come quella di Gial Plast, includeva tre centri aziendali, ma l'offerta della prima, per come articolata nel suo complesso, sarebbe stata invalidata dalla mancata disponibilità dei centri comunali, senza i quali non appariva insomma autosufficente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalto da 58 milioni nell'Aro Lecce 8: via libera all'aggiudicazione

LeccePrima è in caricamento