Da appostamenti e messaggi fino al tentativo di molestie: guai per un 21enne

È ritenuto responsabile di atti persecutori nei confronti di una operatrice di una cooperativa. A Patù eseguita un'ordinanza di custodia per 40enne

La stazione di Surbo dei carabinieri.

PATÙ – I militari della stazione di Surbo hanno arrestato nella serata di ieri, in flagranza, un 21enne originario della Guinea, Moussa Traore, ritenuto responsabile di atti persecutori iniziati nel luglio scorso e sfociati nella serata di ieri nel tentativo di molestie ai danni di una operatrice di una cooperativa con sede a Neviano. Il giovane, dopo appostamenti, messaggi e telefonate, avrebbe provato a passare alle vie di fatto.

È stato eseguito presso una comunità di Patù l’ordine di carcerazione nei confronti Giuseppe Ingrosso, 40enne residente a Merine, condannato a due anni e otto mesi di reclusione per violenza sessuale, lesioni personali aggravate e violazione degli obblighi di assistenza familiare. La misura, disposta dall’ufficio esecuzioni penali del tribunale, è stata eseguita dai carabinieri della stazione di Lizzanello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

Torna su
LeccePrima è in caricamento