Cronaca

Appostamento e blitz nell'abitazione: due anni con il giudizio per direttissima

Il giudice ha riconosciuto la particolare tenuità del fatto dopo che il suo legale ha concordato la pena con il pubblico ministero

LECCE – Si è chiusa con una condanna a due anni la vicenda giudiziaria di Cristian Nestola, 33enne di Leverano, accusato di detenzione ai fini di spaccio di droga. La sentenza è stata emessa al termine del giudizio per direttissima dopo che il suo legale, l’avvocato Cosimo D’Agostino, ha concordato la pena con il pubblico ministero, evidenziando e ottenendo la particolare tenuità del fatto. Il 33enne è tornato anche in libertà con il solo obbligo di firma.

Nestola è stato arrestato dai carabinieri che, nella sua abitazione, hanno trovato 12 grammi di cocaina e 10 di marijuana. Il 33enne era tenuto d’occhio già da qualche tempo. I sospetti si sono addensati, come spesso accade, dal viavai nei pressi di casa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appostamento e blitz nell'abitazione: due anni con il giudizio per direttissima

LeccePrima è in caricamento