Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Non dichiara 5 milioni di euro e distrugge le scritture, nei guai un imprenditore

Denunciato alla Procura un 64enne, titolare di una ditta individuale di Aradeo, che opera nel settore del commercio all'ingrosso di bibite ed altri generi non alimentari. Per ricostruire gli introiti, i finanzieri hanno inviato questionari a clienti e fornitori

ARADEO – Sono ben 5 i milioni di euro non dichiarati da una ditta individuale che opera nel settore del commercio all’ingrosso di bibite ed altri generi non alimentari, con sede legale ad Aradeo. La contestazione è stata avanzata dalla compagnia della guardia di finanza di Gallipoli, comandata dal capitano Francesco Mazza, dopo un’approfondita verifica fiscale. Secondo i finanzieri, il titolare, un 64enne del posto, avrebbe oltretutto distrutto la documentazione fiscale e contabile per non consentire la ricostruzione dei redditi e del volume d’affari conseguito.

Proprio per accertare il reddito effettivamente prodotto, i finanzieri hanno pensato bene di sollecitare clienti e fornitori a rispondere ad alcuni questionari. I controlli incrociati hanno quindi portato ad evidenziare quella cifra, sulla base della quale è stata calcolata un’omissione dell’Iva per circa 1 milione di euro.

Per le fiamme gialle gallipoline, la ditta individuale sarebbe da ritenersi oltretutto alla stregua di “evasore totale”, poiché, nel quadriennio che va dal 2008 al 2011, avrebbe omesso di presentare le dichiarazioni annuali ai fini delle imposte dirette, Iva e Irap.

Inevitabilmente, per il titolare è scattata la deuncia a piede libero alla Procura della Repubblica di Lecce.  Dovrà rispondere dei reati tributari di omessa presentazione della dichiarazione e di distruzione delle scritture contabili obbligatorie.

L’imprenditore – ovviamente - è stato anche segnalato all’Agenzia delle entrate, per l’accertamento delle imposte evase, sulle quali dovranno essere calcolati gli interessi e applicate le relative sanzioni tributarie. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non dichiara 5 milioni di euro e distrugge le scritture, nei guai un imprenditore

LeccePrima è in caricamento