Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Aragoste proibite sul bancone della pescheria, multa da 4mila euro

Gli esemplari di "palinurus vulgaris", che sono in fermo biologico fino al 30 aprile, erano stati esposti alla vendita. Sanzioni salate per il commerciante, scoperto nel corso di controlli della capitaneria di porto di Gallipoli

 

LECCE – Un commerciante della provincia di Lecce (la località precisa non è stata indicata) è stato multato dagli uomini della capitaneria di porto di Gallipoli, nel corso di specifici controlli a contrasto della pesca di frodo ed alla vendita di prodotti ittici derivati da pesca sportiva, per aver esposto nella propria attività commerciale, esemplari di aragosta della specie “palinurus vulgaris”. Si tratta di una specie protetta, che rientra nella cosiddetta “convenzione di Berna”, entrata in vigore dal luglio del 1982 e stilata proprio per la “conservazione della vita selvatica e dei suoi biotopi in Europa”.

Questa specie, conosciuta proprio per il pregio delle carni, prevede un fermo biologico dal 1° gennaio al 30 aprile di ogni anno. La cattura, dunque, è vietata. Gli esemplari ritrovati nell’attività commerciale sono stati posti sotto sequestro amministrativo. Per il titolare dell’esercizio, è scattata una sanzione di ben 4mila euro. Gli interventi della capitaneria saranno ovviamente intensificati, in vista delle festività pasquali e, dunque, non è da escludere che nei prossimi giorni possano avvenire ulteriori sequestri a prodotti ittici. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aragoste proibite sul bancone della pescheria, multa da 4mila euro

LeccePrima è in caricamento