Armi in casa durante il blitz al clan Coluccia: condannato a 3 anni e 4 mesi

La sentenza per Giordano Epifani, di Cutrofiano. Il procedimento aperto dopo l'arresto nell’ambito dell’inchiesta “Contatto”

Quando i carabinieri piombarono in casa di Giordano Epifani, 42anni, di Cutrofiano, per notificargli l’ordinanza di custodia cautelare nell’ambito dell’inchiesta “Contatto”, eseguita lo scorso 5 settembre, che lo indica come referente della zona di Cutrofiano per il clan Coluccia, trovarono due pistole. Armi che per gli inquirenti servivano proprio per agevolare il sodalizio e che gli sono costate la condanna a 3 anni e 4 mesi di reclusione, più 4mila euro di multa.

EPIFANI Giordano-2E’ questa la pena inflitta oggi nel processo discusso col rito abbreviato dinanzi al gup (giudice per l’udienza preliminare) Giovanni Gallo. In particolare, nelle mani dei militari finirono: una pistola di fabbricazione ungherese Feg-Budapest calibro 22R con 6 proiettili, un colpo in canna e 9 proiettili che erano in una busta di cellophane, e una calibro 9X19 di fabbricazione ceca CZP07 con matricola abrasa e con un caricatore contenente 13 proiettili, più uno in canna, calibro 9 X21 modificati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Detenzione abusiva di armi  e ricettazione con l’aggravante dell'agevolazione mafiosa, quindi le accuse che hanno portato il 42enne, difeso dagli avvocati Gabriella Mastrolia e Donato Sabetta, davanti al giudice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • “Vai a casa mia e sposta tutto”. Ma vedono il messaggio e trovano la droga

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Colpo in testa e via con i soldi: portiere dell’hotel aggredito per rapina

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento