Arrestati per spaccio: tre restano in carcere, due tornano in libertà

Non lasciano la cella il leccese e l'albanese fermati dai finanzieri. Liberi un paio di gambiani: solo uno resta a Borgo San Nicola

LECCE – Restano in carcere Alessandro Salvini e Mirando Rosciaj, i due trentenni di Lecce (il secondo originario dell’Albania) arrestati nel pomeriggio del 7 aprile scorso dai militari della guardia di finanza del Gruppo di Lecce. All’esito dell’interrogatorio di garanzia, il gip Simona Panzera ha ritenuto che per entrambi sussistano i gravi indizi di colpevolezza. L’avvocato Alessandro Stomeo aveva richiesto per entrambi un’attenuazione, che fossero destinati almeno ai domiciliari.

L’arresto è avvenuto nel momento in cui i militari hanno fatto irruzione nell’abitazione di uno dei due, dove sono stati trovati circa 2 chilogrammi di hashish e 17 grammi di cocaina. Entrambi erano nell’appartamento in quel momento e i finanzieri hanno controllato anche  il conoscente del proprietario. Nelle tasche, oltre a un grammo di marijuana, il mazzo di chiavi della casa dell’amico. E per entrambi è  scattato l’arresto.

Lasciano il carcere, invece, Colley Mussa, 23enne (difeso anch’egli dall’avvocato Stomeo) e Saidy Moudu, 19enne, i due gambiani arrestati la sera prima dai carabinieri del Norm di Lecce, sempre con l’accusa di  detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. L’unico a rimanere in carcere, Sanneh Aboulie, 20enne, anch’egli del Gambia, fermato con i primi due.

I tre erano stati fermati via Benedetto Cairoli, nel cortile dell’ex Convitto Palmieri, in piena “movida”. Vi erano arrivati dopo la segnalazione di un’attività di spaccio da pare di un passante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Avevano quindi cinturato la zona e fermati i tre extracomunitari, più un “cliente”, un 39enne del Pakistan. Altri ragazzi erano fuggiti all’arrivo dei militari, sia con le auto di servizio, sia in borghese. In tutto erano stati sequestrati 27 grammi di hashish, 25 di marijuana e 150 euro in contanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento