Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Ruffano

Arrestato per estorsione a imprenditore: in tasca aveva mille e 500 euro

Un quarantunenne di Supersano è finito ai domiciliari. I carabinieri lo hanno sorpreso ad estorcere una somma ad imprenditore del posto

RUFFANO – Un arresto per estorsione, in flagranza di reato, è scattato ieri a Ruffano. A finire in manette Marco De Vitis, quarantunenne di Supersano che già da settimane avrebbe stretto d'assedio la sua vittima, un imprenditore di 50 anni di Ruffano.

Negli ultimi tempi, stando alla ricostruzione fornita dai militari del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Casarano, coadiuvati dai colleghi della locale stazione dei carabinieri, De Vitis aveva minacciato la sua vittima di adempiere alle sue richieste, diversamente avrebbe inviato a casa di tutti i suoi famigliari persone poco raccomandabili conosciute al tempo della detenzione in carcere.

DE VITIS marco-2L’arresto è scattato in occasione di un incontro chiesto da De Vitis all’imprenditore: i carabinieri, che lo hanno sorpreso ad intascare contanti per un totale di mille e 500 euro, lo hanno immediatamente bloccato e condotto in caserma.

Su disposizione dell’autorità giudiziaria, De Vitis è stato condotto presso la propria abitazione dove sconterà gli arresti domiciliari. Il denaro recuperato dai militari è stato invece restituito alla vittima del tentativo di estorsione.

Ben diversa, in realtà, la vesrione fornita dal legale di De Vitis, l'avvocato Simone Viva, che afferma che "non corrisponde al vero che il De Vitis sia stato sorpreso ad intascare contanti per un totale di mille e 500 euro e che sia stato immediatamente bloccato e condotto in caserma". "In seguito a perquisizione effettuata in data 11 maggio - precisa ancora l'avvocato viva - presso l'abitazione di De Vitis, sono stati rinvenuti un assegno bancario di euro 25mila non intestato a nessun soggetto e due effetti cambiari di 3mila cadauno non intestati ad alcun soggetto (entrambi emessi dalla presunta vittima n.d.r.). I carabinieri di Casarano hanno informato del ritrovamento il pybblico ministero che ha disposto gli arresti domiciliari".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato per estorsione a imprenditore: in tasca aveva mille e 500 euro

LeccePrima è in caricamento