Violenza sessuale, evasione e furto: per tre trasferimento in cella

Un 54enne di Alliste, un 56enne di Calimera e un 44enne di Salice Salentino accompagnati nel carcere di Lecce

Foto di repertorio.

TORRE SAN GIOVANNI (Ugento) – Tre gli arresti, nelle ultime ore, nel territorio salentino. Claudio Corvino, 54enne di Alliste, è destinatario di un provvedimento di esecuzione di pene concorrenti emesso dal Tribunale di Lecce, in quanto riconosciuto colpevole dei reati di maltrattamenti in famiglia, violazione degli obblighi di assistenza familiare, lesioni personali, violenza privata e violenza sessuale.

L’uomo è stato condannato a scontare la pena cumulativa residua di quattro anni e tre mesi di reclusione e, dopo essere stato arrestato, è stato accompagnato presso il carcere di Borgo San Nicola, nel capoluogo salentino.

 A Calimera e Salice Salentino

I carabinieri della stazione di Calimera, inoltre, hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Cortedi Appello di Lecce nei confronti di Maurizio Corlianò, un 56enne del luogo, sottoposto agli arresti domiciliari. La misura è scaturita dal suo allontanamento da casa: è stato infatti trovato in un bar della zona e ha fatto rientro presso la sua abitazione soltanto in serata. Quel momento di “evasione” gli è costato il carcere. Idem per Landolfo Eopremio, un 44enne di Salice Salentino: anche per lui si aprono le porte del carcere, dove espierà una pena di tre anni per furto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento