Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Assalto al cantiere dell’alta velocità di Chiamonte: arrestato un 23enne leccese

Nell'ambito dell'inchiesta per gli scontri avvenuti nel maggio del 2013, gli agenti della Digos di Milano e Lecce hanno eseguito nel capoluogo salentino una delle tre ordinanze di custodia cautelare emesse dalla Procura di Torino

@TM News/Infophoto

LECCE – Un leccese di 23 anni è stato arrestato all’alba di oggi dal personale della Digos di Miliano e del capoluogo salentino. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere, nell’ambito dell’inchiesta sugli scontri avvenuti a Chiamonte nel maggio del 2013 presso il cantiere dell’alta velocità della Torino – Lione,  è stata notificata a Graziano Mazzarelli nella casa dei suoi genitori.

Il giovane, infatti, vive a Milano, in via Gola ed è ritenuto dagli inquirenti frequentatore del centro anarchico “La mandragola”. In manette, su mandato della Procura della Repubblica di Torino, altre due persone: Lucio Alberti, di 24 anni, e Nicola Francesco Sala di 26. Un assalto in piena regola quello che viene contestato ai tre, portato simultaneamente a quattro ingressi dell’area, con bombe carta, bottiglie incendiarie, materiale pirotecnico e anche razzi esplosi da un mortaio rudimentale. In quella circostanza tre cancelli furono bloccati con cavi d’acciaio, impedendo alle forze dell’ordine di muoversi.

I reati per i quali si procede sono fabbricazione e porto d’armi da guerra e tipo guerra, nonché congegni esplosivi, danneggiamento seguito da incendio, violenza nei confronti di pubblici ufficiali per costringerli ad omettere atti del loro servizio. I tre giovani risultano coinvolti direttamente, ma con ruoli differenti. Le ordinanza eseguite oggi rappresentano in realtà il prosieguo di quanto avvenuto il 9 dicembre scorso, quando quattro persone, tra cui una donna, finirono in manette. Ed è proprio dai rilievi tecnici condotti su uno di questi, Mattia Zanotti, gli inquirenti sono risaliti ai tre arrestati oggi.

Il 23enne leccese era finito nei guai già nel maggio del 2013, a seguito degli scontri con la polizia avvenuti all’Università Statale di Milano in occasione dello sgombero di alcuni locali – occupati circa un anno prima - dove alcuni manifestanti si erano barricati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assalto al cantiere dell’alta velocità di Chiamonte: arrestato un 23enne leccese

LeccePrima è in caricamento