Eroina nel casco e marijuana in casa pronte per lo spaccio. In due nei guai

I carabinieri della compagnia di Lecce hanno eseguito controlli per contrastare il fenomeno dello spaccio. Un 29enne del capoluogo, già noto per fatti di droga, è stato sorpreso con 23 grammi di eroina. Stessa sorte per un 20enne di Melendugno, trovato con una pianta illegale, semi di canapa e 70 grammi di "maria"

Il materiae sequestrato dai carabinieri

LECCE - I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Lecce hanno tratto in arresto Ettore Stampete, leccese di 29 anni, residente nel quartiere di Santa Rosa, sorpreso con 23 grammi di eroina. Nome già noto alle cronache giudiziarie, tratto in arresto nel mese di settembre 2013 con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di cocaina, i “falchi” dell’Arma hanno continuato a seguirlo, a monitorare i suoi spostamenti, registrando frequentazioni luoghi frequentati.

Gli incontri fugaci, sempre brevi, le visite lampo alle quali si dedicava spostandosi con la propria motocicletta hanno insospettito i militari, che si sono convinti che l’attività di spaccio fosse dunque ripresa con vigore. Il blitz è avvenuto nella mattinata: una volta sorpreso fuori dalla propria abitazione, è scattata la perquisizione. Nascosta all’interno di un casco integrale, i carabinieri hanno rinvenuto l’eroina, suddivisa in due confezioni da 16 e 6 grammi e due dosi, già confezionate e pronte per lo spaccio, da mezzo grammo l’una.STAMPETE ETTORE stampa-2

Stessa sorte è toccata a Gabriele Bascià, 20enne di Melendugno. Durante un altro dei controlli volti al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, i militari dell’aliquota operativa della compagnia leccese, in abiti civili, con la collaborazione della stazione locale, si sono appostati per introdursi nell’abitazione del giovane, convinti che lì si potesse svolgere un’attività di spaccio. Peraltro supportata da quegli strani movimenti da e verso casa del giovane durante gli ultimi giorni.

Durante la perquisizione domiciliare il giovane è stato trovato in possesso di 70 grammi di marijuana già suddivisa in dosi, un sacchetto contenente semi di canapa, un bilancino di precisione e materiale vario per il confezionamento delle dosi di stupefacente, tutti abilmente occultati in vari luoghi della casa. Sul balcone invece, in bella vista, veniva trovata una pianta di marijuana.BASCIA GABRIELE stampa-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’arbusto è stato posto sotto sequestro assieme alla droga e a una somma di circa 85 euro rinvenuta nelle tasche di Bascià, ritenuta provento dell’attività illecita.  I due arrestati sono stati condotti presso il carcere di Borgo San Nicola a disposizione del pm di turno, Antonio Negro, che ha avallato l provvedimenti cautelari adottati nei confronti di entrambi i ragazzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento