Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Carabinieri ancora a bordo pista: due in manette, cinque le denunce

I militari sono tornati nella discoteca già visitata a Ferragosto. Uno degli arrestati ha opposto resistenza, sferrando calci e pugni

SANTA CESAREA TERME - Due arresti e cinque denunce da parte dei carabinieri della compagnia di Maglie che a distanza di 24 ore sono tornati all'interno della discoteca Guendalina Pyrex di Santa Cesarea Terme nell'ambito dei servizi di prevenzione e repressione dello spaccio di droga.

A finire in manette Omar Poretti, 20enne bergamasco e Giacomo Mennito, 25enne di Acerra. Il primo è stato osservato durante la cessione di una dose e poi perquisito: addosso aveva otto dosi di ketamina, una dose di mdma e circa tre grammi di hashih, oltre a denaro in contanti considerato provento dello spaccio. Il secondo, notato anch'egli dai militari in borghese dar luogo a movimenti sospetti, ha cercato di sottrarsi al controllo opponendo resistenza con calci e pugni che hanno provocato qualche lieve conseguenza ai carabinieri intervenuti: è stato infine arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale. 

Sempre nel corso della notte sono stati denunciati B.D, 22 di Bergamo perché aveva quattro dosi di ketamina, dello stesso tipo di quelle trovate a Poretti, suo concittadino; T.G., 23enne di Cerignola, con due dosi di cocaina, tre di ketamina, una pasticca di ecstasy e 125 euro in contanti. C.A., della stessa età e originario di Triggiano (Bari), con quattro dosi di marijuana; N.M. e C.E., entrambi 21enni e di Muro Leccese perché, nel tentativo di opporsi alle perquisizioni, hanno spintonato i militari per cercare una via di fuga tra la folla. 

Infine sono stati segnalati alle prefettura di competenza quattro giovani tra i 19 e 27 anni per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti: recuperati e sequestrati due grammi di marijuana, un grammo di cocaina e un dose di ketamina. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carabinieri ancora a bordo pista: due in manette, cinque le denunce

LeccePrima è in caricamento