menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri durante i posti di controllo.

I carabinieri durante i posti di controllo.

Tre arresti: tra questi imprenditore accusato di furto di energia per 170mila euro

In manette anche un uomo di Taviano evaso dai domiciliari e un 38enne di Surbo già fermato a maggio. Sei le denunce nel Casaranese

CASARANO – Tre arresti e sei denunce nella zona di Casarano e dell'hinterland leccese: è il bilancio di un’attività condotta dai carabinieri nelle ultime ore. A Taurisano, le forze dell’ordine hanno stretto le manette ai polsi di Rocco Toma, un imprenditore del luogo, sorpreso in flagranza per il reato di furto di energia elettrica e danneggiamento. A seguito dell’accertamento, eseguito dalle forze dell'ordine assieme al personale Enel di Taranto, è emerso che l’agriturismo veniva alimentato attraverso l’allaccio abusivo alla rete elettrica sin dal 2016. Il danno stimato ammonta a circa 170mila euro. L’uomo è stato ristretto ai domiciliari presso la sua stessa abitazione, al termine dei controlli.

Anche a Taviano, inoltre, i militari hanno fermato in flagranza di reato un 58enne: evaso dai domiciliari cui era sottoposto per maltrattamenti in famiglia, si è recato presso l’abitazione della ex moglie. È stato trasferito in carcere, nel capoluogo salentino. Il terzo arresto, infine, a Surbo, dove i carabinieri hanno eseguito una ordinanza di sostituzione di misura per trasgressione delle prescrizioni imposte, emessa dal gip del Tribunale nei confronti di Gianluca Bruno.

Il 38enne era già agli arresti domiciliari, ma la nuova misura è scaturita a seguito delle continue violazioni registrate dai carabinieri nel corso delle ultime settimane. È così finito di nuovo in carcere, dopo l’arresto avvenuto a maggio: in quell’occasione fu fermato assieme al fratello e al padre con chili di marijuana e circa 15 dosi di cocaina.

Le denunce

Nei guai anche un 49enne di Melissano, già ai domiciliari: è stato denunciato perché si è allontanato dalla propria abitazione. Deferito per lo stesso motivo anche un concittadino 56enne. A Ugento nei guai un 51enne: aveva rubato ortaggi all’interno di un terreno privato. La refurtiva è stata recuperata restituita alla ignara vittima. Per furto è finito nei guai anche un uomo di Taviano: avrebbe asportato confezioni di sigarette da un tabacchino del luogo. Denunciato dai militari un cittadino albanese: con un coltello avrebbe minacciato una persona. Infine, a Taurisano, denunciato un cittadino sottoposto alla misura dell’affidamento in prova ai servizi sociali. È stato però sorpreso  all’interno della propria abitazione con una cartuccia da caccia calibro 12, poi sottoposta a sequestro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento