Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Fermati con un etto di eroina, nei guai padre e figlio. Deferito un terzo

Un 39enne di Ruffano è stato scoperto, dai finanzieri, con lo stupefacente. Era assieme al 16enne e a un complice di 38 anni. Per l'uomo si sono aperte le porte del carcere. Il ragazzino, invece, affidato al centro per minori

La guardia di finanza

LECCE  - Cominciata nella zona dello stadio, a Lecce, si è conclusa alle prime luci dell'alba con il sequestro di circa un etto di eroina purissima, con la denuncia in stato di arresto di due individui. Si tratta di C.C. 39enne di Ruffano e di suo figlio R.F.C.. di 16 anni  Fermati  dai militari della guardia di finanza assieme a M.P., 38enne leccese, denunciato a piede libero.

Una pattuglia dei "baschi verdi" ha notato i movimenti dei tre individui sospetti in orario insolito ed in una zona poco illuminata nella periferia leccese. Iniziato il controllo, il gruppo ha manifestato segni di nervosismo ed agitazione tali da insospettire i finanzieri, i quali  hanno proceduto a perquisizione personale e del mezzo, rinvenendo un involucro con lo stupefacente che è stato subito posto sotto sequestro.

Successivamente i finanzieri hanno proceduto ad effettuare perquisizioni domiciliari nei confronti dei tre. Al termine degli accertamenti due dei responsabili sono stati arrestati e condotti, rispettivamente, presso il carcere Borgo San Nicola su disposizione del pm di turno, Emilio Arnesano e nel centro di prima accoglienza per  minori di Lecce a disposizione del magistrato  Anna Carbonara.

Il complice leccese è stato deferito alla procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce, avendo attivamente partecipato all'attività illecita. La droga, se immessa sul mercato, avrebbe fruttato agli spacciatori  circa 10mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermati con un etto di eroina, nei guai padre e figlio. Deferito un terzo

LeccePrima è in caricamento