menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il carcere di Lecce.

Il carcere di Lecce.

Evadono i domiciliari, ma vengono scoperti: in tre finiscono di nuovo nei guai

Manette scattate a Lecce, a Monteroni e a Squinzano: i carabinieri hanno eseguito controlli, per poi segnalare le violazioni al Tribunale del capoluogo salentino

LECCE – Tre gli arresti, nelle ultime ore, nel Salento. Gianluca Albanese, 46enne leccese, è stato fermato dai carabinieri dell'aliquota radiomobile della compagnia locale, per un’ordinanza  di custodia cautelare carcere emessa dal gip del Tribunale di Lecce. L’uomo, già sottoposto ai domiciliari, sarebbe evaso in più occasioni: il 15 novembre, l’8 dicembre gli ultimi fatti, nei quali l’uomo non è stato rintracciato presso il proprio domicilio. A Monteroni di Lecce, inoltre, il giorno della Vigilia è costato il carcere anche a K.G., un 25enne, anche lui ai domiciliari, per atti persecutori nei confronti della compagna per i quali era stato tratto in arresto il 5 dicembre.

Ma nel giorno della vigilia di Natale si è allontanato dal luogo di detenzione domiciliare  senza autorizzazione, presentandosi nel primo pomeriggio alla stazione dei carabinieri. E’ stato così dichiarato in arresto e ricondotto presso il proprio domicilio.  Nella giornata di ieri, inoltre,  a Squinzano i militari del posto hanno eseguito una ordinanza di sostituzione della misura degli arresti domiciliari con quella della custodia cautelare in carcere, emessa dalla Corte di Appello di Lecce.

La misura nei confronti di Danilo De Santis Campanella, un 46enne. L’aggravamento della misura detentiva –anche lui era ai domiciliari - è scaturito dalle ripetute violazioni degli obblighi e delle prescrizioni imposte dal provvedimento, come accertato dai militari. L’arrestato è stato accompagnato presso Borgo San Nicola.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento