Rubano auto a Lecce, il 112 scopre casolare per la disattivazione Gps

Due gli arresti per il furto di un mezzo: si tratta di un 48enne e di un 28enne, entrambi brindisini. A Galatina un uomo in manette per maltrattamenti alla moglie

Il materiale sequestrato dai carabinieri.

SURBO –  Due arresti, nella giornata di ieri: tanti i ladri di auto in trasferta, bloccati dai carabinieri della stazione di Surbo e dlla task force contro i reati predatori istituita dalla compagnia di Lecce. Si tratta di Ciro Santese e Gianluca Leuzzi, rispettivamente 48enne già noto alle forze dell'ordine pre precedenti simili e 28enne, entrambi brindisini e ritenuti responsabili del furto di un’autovettura avvenuto lo scorso 16 giugno a Lecce.

Il provvedimento è stato emesso dal gip del Tribunale di Lecce, Giulia Proto, su richiesta del pubblico ministero Alberto Santacatterina ed è scaturito al termine di una attività d’indagine, basata su identificazioni fotografiche e sull’analisi dei filmati degli impianti di videosorveglianza installati nei pressi del luogo del furto.

LEUZZI GIANLUCA CL. 1992-2SANTESE CIRO CL. 1972-2I carabinieri della stazione di Surbo, grazie agli accertamenti tecnici, sono riusciti a risalire all’identità degli autori del reato e, tramite una telecamera posizionata, sono riusciti a risalire al casolare, nelle campagne surbine, utilizzato come luogo di stoccaggio per la neutralizzazione dei localizzatori Gps delle autovetture oggetto di furto. I due arrestati, ora condotti presso il carcere di Lecce, sono stati accusati di furto aggravato di autovettura in concorso. Ulteriori verifiche sono ancora in corso per risalire a eventuali, altri furti simili.

A Galatina

A Galatina, inoltre, i carabinieri del posto hanno arrestato un uomo, ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, perpetrati  nei confronti della propria moglie. Al termine delle formalità rito, l’uomo è stato accompagnato nel carcere di Borgo San Nicola. Le generalità dell’arrestato sono state omesse volutamente, per non rendere riconoscibile la vittima dei violenti episodi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

Torna su
LeccePrima è in caricamento