Uno accusato di furto in abitazione, l’altro sconta pena definitiva: arrestati 35enni

Due uomini noti alle cronache locali, residenti rispettivamente a Casalabate e Squinzano, sono stati accompagnati in carcere

La caserma di Squinzano

CASALABATE (Squinzano) – E’ stato ritenuto l’autore di un furto in abitazione: per Cristian Taurino, un 35enne noto alle forze dell'ordine e residente a Casalabate, è scattata un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Sono stati i carabinieri a notificargliela, nelle ultime ore.   Il provvedimento è scattato dopo un lavoro investigativo da parte dei militari. Grazie ai filmati a disposizioni, è stato ritenuto responsabile di un colpo perpetrato nel mese di maggio.TAURINO-4

Continua comunque l’attività sul territorio con acquisizione di ulteriori elementi per valutare la responsabilità eventuale del 35enne in altri furti dei mesi scorsi. Nella vicina Squinzano, inoltre, Alessio Fortunato, 35enne arcinoto alle cronache locali per diversi reati, torna in carcere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fortunato-2Dovrà scontare una pena definitiva di due anni e 8 mesi. I numerosi precedenti per droga e le varie condanne susseguitesi nel tempo hanno portato ad un cumulo pene. Fortunato, pertanto, è stato trasferito nell’istituto penitenziario alle porte di Lecce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento