Uno maltratta i genitori, l’altro ha commesso una rapina nel 2006: in carcere

Un 38enne di Acquarica del Capo è stato arrestato per estorsione in famiglia. Un suo coetaneo di Copertino dovrà tornare in cella

La caserma di Presicce

ACQUARICA DEL CAPO – Due arresti, nelle ultime ore, nel Salento. Nel primo caso, ad Acquarica del Capo, Ivan Raone, un 38enne del luogo, è finito in manette con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, l’uomo avrebbe infatti tentato un’estorsione ai danni dei propri genitori.

Sono stati i carabinieri della stazione di Presicce a raggiungerlo, per notificargli la misura: al termine delle formalità di rito, è stato accompagnato nel carcere di Lecce. A Copertino, inoltre, è stato fermato un coetaneo, Andrea Fusaro: è finito nell’istituto penitenziario di Borgo San Nicola, per il reato di rapina aggravata, risalente a un fatto del 2006.

I carabinieri della tenenza locale hanno eseguito il provvedimento, emesso dall’Ufficio esecuzioni penali di Lecce, di revoca del decreto di sospensione della carcerazione. L’ordine è stato ripristinato e l’uomo è stato accompagnato in cella. Sconterò un anno e cinque mesi di reclusione e pagherà 400 euro di multa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Dove c'era il lido, ecco spuntoni e detriti: scattano di nuovo i sigilli

Torna su
LeccePrima è in caricamento