Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca Contrada Cazzati

Sorpresa a rubare in uno stabilimento dismesso. Nei guai una coppia

Una coppia di 48enni di Novoli è stata sorpresa all'interno di un'azienda di allevamento avicolo, dismessa da circa due anni, per essere ristrutturata. Il titolare li ha colti mentre stavano rubando alcuni oggetti e hanno allertato i carabinieri della stazione locale. I due sono finiti agli arresti domiciliari

I carabinieri di Campi Salentina

CAMPI SALENTINA – Avrebbero rubato metallo e attrezzature da un’area dismessa, e sono finiti nei guai. Vito CrapuzziI e Anna Maria Schiera conviventi, entrambi 48enni di Novoli, una lunga serie di guai con la giustizia, si erano introdotti nella zona CRAPUZZI VITO.jpg1-2recintata dell’ex “Ovoro/Alicom”, una ditta di allevamento avicolo e alcuni capannoni in contrada “Cazzati”, a Campi Salentina. Dove, da circa due anni, era stata interrotta l’attività, in vista di un adeguamento alla normativa vigente. 

Proprio il momentaneo abbandono ha fatto sì che la struttura  sia divenuta una calamita, in più occasioni, per i ladri della zona. La coppia si sarebbe appropriata di ferro e di oggetti da rivendere . Ma sono stati sorpresi dai titolari dell’azienda, durante uno dei loro frequenti controlli proprio per prevenire furti di materiale elettrico e infissi.

SCHIERA ANNA MARIA.jpg1-2Questa mattina è accaduto ancora, ma a la “spesa” è andata male. Prima una pompa a immersione, poi alcune sezioni di tubo da impianto idrico (per poco meno di 10 metri) stavano per essere caricati a bordo  di una “Punto” con cui i due erano arrivati sul posto. Insomma, un “giro” da circa 2mila euro, che si è concluso con l’arrivo della pattuglia dei carabinieri, chiamati sul posto insieme all'unità di un istituto di vigilanza privata. Per entrambi è scattato l’arresto per furto aggravato, deciso dal pm di turno della Procura della Repubblica di Lecce, Francesca Miglietta, e la restrizione agli arresti domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpresa a rubare in uno stabilimento dismesso. Nei guai una coppia

LeccePrima è in caricamento