menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il materiale sequestrato dai carabinieri.

Il materiale sequestrato dai carabinieri.

Spacciava eroina usando la casa dell’amico: entrambi nei guai

Un arresto e una denuncia, nelle ultime ore, a Corsano. I carabinieri hanno sorpreso un 34enne del luogo, pregiudicato, con circa 4 grammi di droga. Deferito il proprietario dell’immobile, un 45enne

LECCE – Uno spacciava eroina, l’amico offriva il proprio appartamento come luogo di incontro tra domanda e offerta. Un arresto e una denuncia, nella serata di ieri, per detenzione e spaccio di droga. I carabinieri hanno infatti fermato due individui, a Corsano, sorpresi con delle dosi di stupefacenti. Si tratta di Ippazio Raona, un 34enne del luogo, nome noto alle forze dell’ordine e alle cronache locali per diversi episodi.

I militari del Nucleo operativo della compagnia di Tricase e i colleghi della stazione corsanese lo tenevano già d’occhio da diverso tempo. L’uomo, con precedenti specifici nel mondo della droga, è stato sorpreso durante il controllo con circa 4 grammi di eroina suddivisa in altrettanti involucri di varia pesatura. Oltre alla sostanza, aveva con sè anche un bilancino di precisione, 50 euro ritenuti provento dell’attività di spaccio e materiale per il confezionamento.

Al termine delle formalità di rito e su disposizione del pm di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, è stato dichiarato in arresto. Nei guai, inoltre, è finito anche un 45enne del luogo. Si tratta di P.C., denunciato in stato di libertà per aver adibito la sua abitazione a ritrovo abituale di persone solite fare uso di sostanze stupefacenti. All’interno dell’immobile, i militari dell’Arma hanno infatti rinvenuto lla sostanza e il materiale per il confezionamento usato dall’amico finito in manette. Anche il 45enne è un nome noto ai carabinieri per reati inerenti lo spaccio di droga.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento