menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di archivio.

Foto di archivio.

Sfila mascherina al carabiniere e poi lo sputo. Fugge dai domiciliari: in carcere

Il 47enne di Aradeo è stato fermato dagli agenti di polizia del commissariato di Galatina: vagava senza una meta, lontano dalla sua abitazione

ARADEO – Non è bastato lo sputo a un carabiniere, al quale ha sfilato la mascherina protettiva col grave rischio di contagiarlo. Per Amerigo Zizzari nuovi guai in poche ore: arrestato in serata e denunciato in poche ore: il 47enne di Aradeo è finito ora in carcere per il reato di evasione. Gli agenti del commissariato di Galatina lo hanno infatti fermato nella cittadina e denunciato, nei pressi dell’ospedale “Santa Caterina Novella”, dove si trovava a spasso senza una meta ben precisa, lontano dall’abitazione nella quale era stato ristretto.

Ma tutto è cominciato nella serata di Pasquetta, quando l’uomo è stato arrestato dai carabinieri, durante un ordinario controllo “anti-Covid” lungo le strade di Neviano. Intorno alle 20, si trovava in compagnia di un amico, a bordo di una vettura nella quale sono stati poi rinvenuti anche un coltello e un bastone. Sceso dall’abitacolo, il 47enne ha sfilato la mascherina dal volto di un militare, dopo averlo anche colpito e poi lo sputo sul viso. Immediato l’intervento dei colleghi della vittima: il brigadiere è stato immediatamente soccorso, Zizzari sottoposto al tampone per accertare che fosse negativo al virus e che non avesse infettato il militare. L’esito, fortunatamente, è stato negativo.

Per lui e per l’amico sono scattate le manette. Ma quando il mattino successivo, intorno alle 8, i carabinieri hanno bussato alla sua porta per verificare che se ne stesse in casa, Zizzari non c’era. È stato rintracciato alcune ore, dopo, a spasso appunto a Galatina, dai poliziotti del commissariato locale. Non "digerendo" il controllo ha tentato di sferrare un pugno a uno degli agenti, senza però riuscirci. Bloccato immediatamente, è stato denunciato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Al termine della giornata concitata, il 47enne è stato tratto in arresto e trasferito presso il carcere di Lecce per il reato di evasione, su disposizione del pm di turno presso la Procura della Repubblica del capoluogo salentino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento