menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il materiale sequestrato dalla polizia.

Il materiale sequestrato dalla polizia.

In giro di notte con attrezzi da scasso e cocaina: fermato il rider della droga

Un 45enne leccese arrestato al termine di un controllo dalla polizia: addosso le dosi di stupefacente da consegnare a domicilio

LECCE – Fermato il rider della droga in città: sarebbe stato solito consegnare stupefacente a domicilio, in motorino. Sandro Quarta, 45enne del capoluogo salentino, è stato arrestato nelle prime ore del giorno del Primo maggio dagli agenti della sezione volanti. L’uomo risponde dei reati di spaccio, resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale. Nella notte della vigilia della Festa dei lavoratori, infatti, i poliziotti lo hanno notato in sella a un ciclomotore in viale dell’Università. Il 45enne, alla vista della polizia, ha però accelerato per fuggire, riuscendo a dileguarsi per le vie del centro.

Raggiunto dagli agenti, li ha insultati e si è sfilato il casco: lo ha lanciato in aria per colpire uno degli uomini della questura. Fortunatamente non è accaduto nulla di grave. È stato bloccato soltanto dopo l’arrivo di altri due mezzi del 113.  Dal controllo sul mezzo Honda X8R il numero di telaio è risultato completamente abraso, mentre la targa applicata abbinata adun altro modello di veicolo: è stato dunque sottoposto a sequestro. Ma non è tutto.

Dal vano portaoggetti sono spuntati arnesi da scasso tra cui cacciaviti e un  avvitatore elettrico: l'indagato non è stato in grado di fornire spiegazioni sufficienti sulla presenza di quegli oggetti. Perquisito, inoltre, nella biancheria intima aveva inoltre nascosto due dosi di cocaina e nelle tasche dei pantaloni la somma di 110 euro. La perquisizione, a quel punto estesa anche all’abitazione, ha portato al sequestro di due bilancini di precisione e del nastro per sigillare gli involucri delle dosi di sostanza stupefacente. Quanto accertato ha fatto intuire che l’uomo effettuava presunte “consegne a domicilio” di cocaina. Al termine del controllo è stato ristretto ai domiciliari per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento