Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Si allontana da casa nonostante i domiciliari. Finisce in cella un 23enne

Un ragazzo di origini magrebine, ma residente a Copertino, è stato trasferito dalla sua abitazione al carcere di Lecce. Sottoposto alla misura restrittiva perché accusato di spaccio, si allontanò dall'abitazione una decina di giorni addietro, per poi essere rintracciato dai carabinieri

Il carcere di Lecce

COPERTINO – Sorpreso fuori casa, nonostante gli arresti domiciliari, è finito dritto in carcere. Moncef Chergui, 23enne di origini magrebine e residente a Copertino, è stato accusato di evasione. Sottoposto alla misura restrittiva per spaccio di sostanze stupefacenti, lo scorso 6 novembre non è stato rintracciato presso la sua abitazione.cHERGUI mONCEF-3

Avviate le ricerche, da parte dei carabinieri della tenenza di Copertino, il giovane è stato poi rintracciato poco dopo, non lontano dal proprio appartamento. I militari dell’Arma, hanno così richiesto al Tribunale di sorveglianza l’inasprimento della misura restrittiva, chiedendone il trasferimento presso il carcere di Borgo San Nicola, alle porte di Lecce.

La richiesta è stata accolta dall’autorità giudiziaria che ha emesso un provvedimento con il quale ha revocato la misura degli arresti domiciliari e previsto la custodia cautelare in carcere. Dopo le formalità di rito, il ragazzo è stato trasferito in cella.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si allontana da casa nonostante i domiciliari. Finisce in cella un 23enne

LeccePrima è in caricamento