rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca Squinzano / Via Montello

Ruba di notte la cassa nei magazzini Kasawika, ma i carabinieri lo beccano sul posto

Vano il tentativo di un 33enne di Squinzano di nascondersi all'arrivo dei militari della sezione radiomobile di Campi Salentina. Sorpreso ancora nelle vicinanze, è stato arrestato e sottoposto ai domiciliari

SQUINZANO – “Pizzicato” in flagranza di reato, viene arrestato nel cuore della notte dopo un furto consumato all’interno dei magazzini Kasawika di via Montello, a Squinzano, il suo paese di residenza. A finire nei guai, Giovanni Matteo Manca, un 33enne con diversi precedenti alle spalle. Negli anni, infatti, è stato arrestato diverse volte per questioni legate agli stupefacenti. Il suo, insomma, un volto ben noto a chi l’ha sorpreso ancora nei pressi del luogo prescelto per provare a racimolare un po’ di denaro.

Tutto è accaduto poco prima delle 3 in una strada che, per quanto semicentrale e che confluisce sulla via per Brindisi, a tarda ora non è molto trafficata. Il luogo ideale, avrà pensato il giovane, per tentare il colpo. Lo stabile che ospita l’esercizio commerciale in questione si trova all’interno di un recinto chiuso da mura perimetrali e un cancello di ferro abbastanza alti, ma comunque non insormontabili. Quindi, una volta riuscito a varcarli e ad aver attraversato il piazzale dedicato al parcheggio delle auto della clientela, Manca è riuscito a forzare l’ingresso.

Una volta dentro, ha preso il registratore di cassa e l’ha portato via di peso, verso l’esterno, per poterlo poi aprire in un luogo sicuro e arraffare il contenuto. Almeno, queste dovevano essere le intenzioni. Sennonché, l’allarme ha fatto il suo lavoro. Una volta scattato, subito si sono attivati i carabinieri della sezione radiomobile di Campi Salentina, in pattugliamento notturno del territorio di competenza della compagnia, i quali, giunti sul posto, hanno iniziato a perlustrare la zona.

Manca era ancora nelle vicinanze, non aveva fatto a tempo ad allontanarsi quanto avrebbe voluto. E vano è stato il tentativo di nascondersi. I carabinieri l’hanno scovato e portato in caserma. Qui, sentito il pubblico ministero di turno, è stato dichiarato in arresto e sottoposto ai domiciliari, in attesa del giudizio direttissimo. Importanti si sono rivelate anche alcune testimonianze e le immagini dell’impianto di videosorveglianza.  

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba di notte la cassa nei magazzini Kasawika, ma i carabinieri lo beccano sul posto

LeccePrima è in caricamento