menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Inerpicati sul palo dopo il furto in casa: passa la polizia, un arresto

Un 23enne, già noto alle cronache per reati contro il patrimonio, arrestato nella notte a Taurisano. Il complice è fuggito. Prelevati ori dall’abitazione della vittima

TAURISANO – Incastrato da un imprevedibile tempismo. Topo d’appartamento inerpicato sul palo della luce dopo il furto: arrestato in flagranza dai poliziotti che passano di lì in quel momento, ricercato il complice. Alessandro Manco, 23enne di Taurisano, pregiudicato e nome noto alle cronache locali per diversi furti e reati contro il patrimonio, è stato arrestato la scorsa notte dagli agenti del commissariato locale, guidato dal vicequestore Salvatore Federico.

Tutto è cominciato intorno all’una e mezzo, nei pressi di Corso Mazzini, all’angolo con via Galileo Galilei. I poliziotti, in strada per una ordinaria attività di perlustrazione del territorio, hanno notato la presenza dei due individui. Entrambi vestiti di nero, uno col passamontagna, se ne stavano su un palo per l’illuminazione pubblica, vicino al balcone di un’abitazione. Non potevano di certo passare inosservati. Un agente ha subito bloccato Manco, mentre l’altro individuo è fuggito. Si è dileguato a piedi nelle vie del paese e ora è ricercato.

Il personale del commissariato, intanto, ha contattato il nipote del proprietario dell’appartamento (il titolare era fuori da tempo) e ha eseguito un sopralluogo alla presenza del malcapitato. La camera da letto, effettivamente, era stata completamente messa a soqquadro dalla coppia di ladri. Questi ultimi si sono introdotti in casa della vittima del furto tramite il terrazzino posto al primo piano. Dopo aver mandato in frantumi il vetro della porta, sono riusciti a mettere a segno il colpo: si sono impossessati di diversi oggetti preziosi e monili. Il 23enne è subito finito in manette e, su disposizione del magistrato di turno, Alberto Santacatterina, è stato accompagnato nel carcere di Lecce con l’accusa di furto aggravato in concorso. Ancora nessuna notizia, al momento, sulla refurtiva: con ogni probabilità è stata trattenuta dal secondo individuo riuscito ad allontanarsi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento