Migliaia di file tra foto e video di bambine. Nei guai ingegnere di origini leccesi

Un 71enne nato a Lequile, residente in provincia di Parma, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia emiliana, per una serie di filmati e immagini che ritraevano minorenni, persino di 3 anni. Durante la perquisizione, i militari hanno rinvenuto un binocolo sul davanzale di una finestra che si affaccia nei pressi di un asilo

Foto di archivio

LANGHIRANO (Parma) – Una collezione di fotografie e filmati che ritraevano bambini hanno fatto scattare le manette ai polsi di Carmelo Buttazzo., un ingegnere salentino 71enne, nato a Lequile e trasferitosi da anni a Parma, dove lavorava come impiegato presso gli uffici della Motorizzazione civile della città emiliana. I carabinieri della compagnia parmense, guidati dal capitano Marco Livio Nasponi, assieme ai colleghi d Vigatto, hanno arrestato l’uomo, separato e con figli, nei pressi di Langhirano, dopo aver rinvenuto un’ingente quantità di materiale, scaricato dalla Rete.

Parte delle immagini scoperte dai militari dell’Arma e poi poste sotto sequestro, inoltre, sarebbe risultata prodotta dal pensionato stesso. Nel corso degli ultimi giorni, infatti, sono state proprio alcune maestre di una scuola a notare i movimenti sospetti del 71enne salentino, segnalando  lo “spione” alle forze dell’ordine.

Durante la perquisizione scattata nell’abitazione dell’ex ingegnere, gli uomini in divisa lo hanno sorpreso a scaricare altro materiale dal web, su un hard disk contenente delle riprese di bambine, anche di appena tre anni, filmate in normali situazioni da strada. Altri filmati sono stati recuperati dal telefono cellulare, assieme alle migliaia di file memorizzati sulla memoria esterna.20140415_pedofilolequile.jpg.pagespeed.ce.o8ilKK2eU8-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Come se non bastasse, nelle varie stanze sottoposte alle verifiche, i militari hanno scoperto un binocolo, ancora poggiato sul davanzale di una finestra, che ha contribuito ad alimentare i già nutriti sospetti nei confronti del pensionato: la sua abitazione si trova, infatti, proprio nei pressi di un asilo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento