Ladri d’auto a bordo di una costosa Alfa rubata nel Salento: inseguiti e in arresto

Un 41enne e un 39enne fermati a Carovigno, la scorsa notte. Si trovavano alla guida di una vettura rubata a Presicce il 21 luglio

Targhe e attrezzature sequestrate.

PRESICCE – Due ladri, noti alle cronache brindisine, nei guai: erano a bordo di un’autovettura rubata in provincia di Lecce. Daniele Lo Martire, di 41 anni e Gianluca Andriani, di 39, entrambi brindisini. Sono stati fermati dai militari di San Vito dei Normanni, a Carovigno. Scorandriani-gianluca-classe-1979-2-2razzavano per le strade della cittadina alla guida di una Alfa Giulietta Quadrifoglio, rubata lo scorso 21 luglio, a Presicce.

La costosa vettura, del valore di 50mila euro, con targa svizzera, ha da subito destato i sospetti dei carabinieri che tenevano comunque i due sotto osservazione. Inseguiti dall’auto civetta dell’Arma, i due si sono fermati nei pressi di un altro veicolo e uno dei due è sceso, appoggiandosi sulla carrozzeria con un arnese in mano. I due, evidentemente, erano a caccia di altri veicoli da rubare. Ma si sono accorti dell’arrivo della seconda pattuglia dei carabinieri, nel frattempo allertata. Il conducente è salito velocemente sull’Alfa, ingranando la retromarcia. Nella fuga, i militari hanno dovuto evitare un violento speronamento della Giulietta lanciata a folle velocità. lo-martire-daniele-classe-1977-2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma i due arrestati si sono ritrovati di fronte l’altra pattuglia delle forze dell’ordine. Nelle manovre per evitare l’impatto, i due si sono schiantati contro una Punto parcheggiata in zona e hanno rotto il semiasse anteriore. Tentata la fuga a piedi, sono stati inseguiti e acciuffati dagli uomini dell’Arma, dopo una violenta colluttazione costata delle ferite a due carabinieri. Nel corso della perquisizione, Lo Martire è stato trovato in possesso di uno scanner elettronico, usato per clonare i codici dei veicoli di accensione per Lancia, Fiat e Alfa Romeo. Nelle abitazioni dei due, inoltre, rinvenuti attrezzi per effrazione, targhe rubate, autoradio e chiavi di accensione. Sono in corso ulteriori accertamenti per stabilire provenienza e che fine abbiano fatto i veicoli rubati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento