Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca

Ruba 500 metri di cavi in rame dalla ferrovia. Preso 29enne, caccia al complice

Agenti della Polfer e della sezione volanti sono intervenuti, nel pomeriggio di ieri, sul tratto ferroviario che collega Lecce a Surbo. Il ragazzo, assieme a un amico, aveva sottratto una ingente quantità di materiale metallico dal binario: si era nascosto dietro agli arbusti

Un agente della Polfer indica il luogo del furto.

LECCE  - Nel pomeriggio di ieri, intorno alle 18,30, lo hanno inseguito e arrestato per un furto di circa 500 metri di cavi in rame. Un ragazzo di Lecce di 29 anni, Simone Casilli, assieme a un secondo complice che è ora ricercato, è stato notato armeggiare con una mazza nei pressi dei binari tra Surbo e il capoluogo salentino. E’ stato un macchinista a notare i due giovani e si è rivolto alla polizia. Sul posto, gli agenti della Polfer di stanza presso lo scalo ferroviario di Lecce.

Il personale della Polfer, con il supporto di una volante della questura, ha subito avviato la caccia ai responsabili e, nel giro di pochi minuti, ne han rintracciato uno nascosto fra gli alberi. Il complice, invece, è riuscito a dileguarsi ma nel corso delle prossime ore potrebbe avere un’identità. Non è dato conoscere l’esatto importo della refurtiva ma, al di là dell’importo, è il disagio l’aspetto più preoccupante.

Come è noto, infatti, i furti dei cavi in rame di pertinenza ferroviaria rappresentano la causa di forti ritardi nel tragitto dei convogli e ritardi nella circolazione. Aspetto particolarmente temuto, in questo periodo estivo caratterizzato da grandi spostamenti e ondate di turisti. Casilli, itanto, nel processo per direttissima, ha patteggiato un anno e quattro mesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba 500 metri di cavi in rame dalla ferrovia. Preso 29enne, caccia al complice

LeccePrima è in caricamento