“Torno a Lecce in treno per curare mia madre”. Ma era ricercato per un ordine di carcerazione

Un 50enne residente nel Tacco fermato dalla Polfer nella stazione di Bari. Deve scontare una pena di due anni e 27 giorni di reclusione

La stazione di Bari (BariToday)

LECCE – In barba allle misure anti-Covid, è salito sul convoglio diretto a sud: ma non è mai arrivato a casa, perchè è finito in carcere.  Arrestato dalla polizia a Bari un 50enne residente nella provincia di Lecce. L’uomo, originario della provincia di Taranto, è finito nella rete dei controlli degli agenti della Polfer del capoluogo pugliese.

Si trovava all’interno della stazione ferroviaria, a bordo di un treno “Frecciargento” proveniente da Roma e diretto al capoluogo salentino. Alla richiesta di giustificazione del suo spostamento, il 50enne ha indicato dei problemi di salute dell’anziana madre. Da un controllo in banca dati, però, i poliziotti hanno scoperto che era ricercato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei suoi confronti, infatti, un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Lecce lo scorso 4 ottobre. L’uomo deve espiare una pena di due anni e 27 giorni di reclusione per i reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni. Al termine delle formalità di rito, è stato accompagnato nel carcere di Bari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento