menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'auto incendiata.

L'auto incendiata.

Accusa 30enne di aver incendiato l’auto dei suoi: lo pesta con l’aiuto dei complici

Ancora violenza, a Galatone, dopo il rogo che ha distrutto la Fiat Punto di una coppia coinvolta nell’operazione “Final blow”. Il figlio 36enne ha infatti aggredito un uomo: guarirà in un mese. Un arresto e due denunce

GALATONE – Ore movimentate a Galatone. Dopo l’incendio di un’autovettura la scorsa notte, un uomo accusa un 30enne di essere il responsabile del rogo e lo aggredisce, con l’aiuto di due complici: finisce in manette. I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Gallipoli hanno infatti stretto le manette, in flagranza di reato  per lesioni personali aggravate in concorso, ai polsi si Antimo Marzano, 36enne galatonese pregiudicato, figlio di Susanna Vonghia e Giuseppe Marzano, tutti coinvolti nell’operazione “Final blow”, su droga, armi ed estorsioni.

Alla famiglia, proprio alcune ore addietro, ignoti hanno dato alle fiamme una Fiat Punto, parcheggiata nelle vicinanze di casa. La vettura, dei due coniugi detenuti, rispettivamente, ai domiciliari e in carcere, è stata completamente distrutta. Per rendere “giustizia” ai genitori presi di mira dal piromane, Marzano e altri due suoi conoscenti hanno aggredito un 30enne del luogo, noto alle forze dell’ordine. I complici dell’autore del pestaggio sono stati denunciati in stato di libertà, una volta identificati dai militari dell’Arma tramite le registrazioni del sistema di videosorveglianza. Si tratta di A.S., 30enne incensurato di Galatone e di D.C., 38enne galatonese, pregiudicato.

Il 30enne aggredito, intanto, è stato soccorso e accompagnato preso l’ospedale “Sacro Cuore di Gesù”. Affidato alle cure dei medici e sottoposto agli esami clinici, è stato trovato con diversi traumi e una frattura, che guariranno nel giro di un mese salvo complicanze. Marzano, al termine delle formalità di rito, è stato ristretto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Tregua domenicale, 584 i casi positivi. Lopalco "sfiduciato" dalla Lega

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento