rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Cronaca

Ubriaco pesta la zia con un bastone e minaccia la cugina: arrestato 26enne

Un giovane uomo cingalese è stato arrestato in città, dalla polizia, la scorsa notte. Pretendendo di essere “l’uomo al comando” della famiglia, avrebbe vessato le parenti che lo ospitavano da un anno

LECCE – In carcere per maltrattamenti e lesioni personali aggravate per violenze fisiche e minacce nei confronti di zia e cugina Non accenna a fermarsi la violenza ai danni delle donne. La scorsa notte, infatti, gli agenti delle volanti della questura di Lecce hanno arrestato u 26enne di nazionalità cingalese. Lo hanno raggiunto intorno all’una, presso la sua abitazione, dove dei vicini di casa avevano segnalato una aggressione.

Sul posto, i poliziotti hanno subito notato le  tracce di sangue sul pavimento dell’ingresso e del salone: all’interno una donna con la testa fasciata e sanguinante per via di una profonda ferita inferta con un bastone. Dai successivi accertamenti è emerso che la donna, 45enne di nazionalità cingalese, da circa un anno subiva maltrattamenti e vessazioni da parte del nipote 26enne, suo ospite trasferitosi in Italia lo scorso anno e co “vizietto” dell’alcol.

Solo perché uomo, il 26enne avrebbe preteso di esercitare l’autorità nella famiglia composta prevalentemente da donne. Tanto che durante la permanenza non soltanto avrebbe assunto ripetuti atteggiamenti violenti contro la zia, ma persino nei confronti della cugina di 15 anni. E infatti rincasato dopo la mezzanotte, ubriaco e armato di un bastone di legno, ha iniziato ad inveire contro zia e cugina. La donna, per evitare che il nipote sfociasse la sua assurda violenza anche contro la 15enne, l’ha protetta col proprio corpo, ricevendo numerosi colpi in testa e sulla schiena. Le lesioni riportate dalla vittima sono state giudicate guaribili in 25 giorni dal personale medico del pronto soccorso, dove la malcapitata è stata accompagnata in ambulanza.

L’indagato, che dai successivi accertamenti è risultato già segnalato per fatti analoghi, è stato accompagnato presso il carcere di Borgo San Nicola su disposizione del pm di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce. Per lui anche la denuncia in stato di libertà per il reato di porto di oggetti atti ad offendere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ubriaco pesta la zia con un bastone e minaccia la cugina: arrestato 26enne

LeccePrima è in caricamento