Cronaca

Dà di matto davanti a moglie e quattro figli. Poi sputi e insulti contro carabinieri: arrestato

L'episodio, nella serata di ieri, a Squinzano. Un 43enne è stato accompagnato in carcere per maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale. Dopo diversi fatti analoghi, la donna ha chiesto aiuto, vedendo il marito fuori controllo

I carabinieri di Squinzano

SQUINZANO - L'ira rivolta alla moglie è stata poi indirizzata alle forze dell'ordine, ma è finito nei gaui. Nella tarda serata di ieri i militari della stazione di Squinzano hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato di S.L.M., un 43enne del posto (Il nome per esteso è volutamente omesso per tutelare i figli, tutti minorenni). I reati contestatigli sono maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale. La moglie aveva chiamato in caserma disperata e preoccupata poiché il marito sembrava fuori controllo.

Non era la prima volta che accadeva negli ultimi giorni. Ieri, tra una minaccia e l’altra nei confronti della stessa, con presenti in casa i quattro figli di età compresa tra i 12 e i 2 anni, ha demolito mezza cucina, urlando e dimenandosi. I militari, immediatamente accorsi, hanno avuto da subito il merito di spostare l’attenzione dell’uomo e di far “convogliare” su di loro la sua furia. Anche perché tra i tre militari accorsi ha subito riconosciuto il militare che 7 anni prima lo aveva arrestato, sempre per maltrattamenti in famiglia. Ha provato con un calcio a colpirli, a piedi nudi, prendendo in pieno il cancello dell’abitazione.

Ha indirizzato sputi e  insulti a due su tre. Ha messo le mani al collo del terzo. Il tutto minacciandogli di morte e nonostante il tentativo di suo padre, accorsi pochi istanti prima dei militari di contenerlo. Portato in caserma ha continuato a dimenarsi e ad urlare, anche nella camera di sicurezza della stessa. La moglie, il padre e altri famigliari, durante la notte, hanno poi ricostruito il clima famigliare dell’ultimo periodo fatto di gesti violenti, minacce, urla. L'uomo è stato accompagnato presso il carcere di Lecce su disposizione del pm di turno, Roberta Licci.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dà di matto davanti a moglie e quattro figli. Poi sputi e insulti contro carabinieri: arrestato

LeccePrima è in caricamento