Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Estorce denaro agli anziani genitori con mazze e coltelli. Arrestato 40enne

Un uomo di Veglie, noto come "Rambo", è finito in manette con l'accusa di estorsione e maltrattamenti in famiglia. Avrebbe minacciato, con atti violenti, il padre e la madre, anche davanti ai nipotini. I carabinieri hanno messo fine a un incubo costato alle vittime circa 10mila euro

Il carcere di Lecce

VEGLIE – Aggressioni verbali, continue vessazioni e violenze psicologiche. Terminate solo con le manette,  all’ora di pranzo. Cosimo Muci, 40enne di Veglie, è stato raggiunto dai carabinieri che hanno messo fine a un incubo. Quello che, per oltre due anni, ha tormentato la vita dei suoi genitori anziani, oltre che di altri componenti della famiglia.

Estorsione e maltrattamenti in famiglia, questii reati continuati, per i quali l’uomo è stato arrestato, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Lecce, Vincenzo Brancato, su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica, Roberta Licci. Padre e madre dell’uomo, entrambi anziani, stando alla denuncia che hanno sporto presso i carabinieri, erano alle prese con continue pretese di denaro imposte loro appunto dal figlio convivente Cosimo: tra i  40 e 60 euro era l’importo che erano costretti a cedergli, tra urla, insulti e minacce. Fino ad arrivare a una somma di circa 10mila euro. E davanti a un rifiuto, anche solo timido, lui era solito rispondere con violenza.

L’uomo, soprannominato “Rambo”, ha un passato turbolento fatto di delitti contro la persona e la pubblica amministrazione. In più di una occasione  l’ira di Muci si sarebbe scatenata contro la madre, persino con mazze e coltelli. La donna, però, aveva però sempre scelto di non farsi soccorrere dai sanitari per timore di rappresaglie da parte del figlio. E il tutto si era svolto, in alcuni episodi, anche in presenza di nipotini. Pur di scongiurare più gravi conseguenze, gli anziani avrebbero contratto debiti con altri loro famigliari, rimborsati poi tramite un prestito bancario. E infine avevano cercato riparo a casa di una loro figlia.MUCI_COSIMO.jpg1-2

Ma il 40enne si è presentato anche lì, a fine gennaio, a quanto pare armato di coltello. In quella occasione solo la mediazione del cognato e la consegna di una somma di 40 euro avrebbe scongiurato il peggio. Proprio l’episodio di gennaio ha rappresentato la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso: esasperati, padre e madre, si sono rivolti ai militari di Veglie, denunciando formalmente abusi e vessazioni. Persino una volta raggiunto dagli uomini dell’Arma, questa mattina, Muci ha ulteriormente minacciato di morte e insultato pesantemente la madre, tanto da costringere proprio gli investigatori a bloccarlo con la forza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Estorce denaro agli anziani genitori con mazze e coltelli. Arrestato 40enne

LeccePrima è in caricamento