Svolta nelle indagini sull’omicidio di Copertino. Il ricercato si costituisce, ritrovata l'arma

Luigi Margari, il 34enne ricercato per l'omicidio di Fabio Frisenda, si è presentato dai carabinieri intorno alle 22. Le dichiarazioni rese agli inquirenti hanno permesso di rintracciare anche la pistola, nascosta in un muretto a secco alla periferia del capoluogo salentino

Un'immagina dalla conferenza stampa in procura.

COPERTINO – Tre. Tre videocamere determinanti per un’indagine lampo, che ha svelato il nome del killer.Che potrebbe non aver agito da solo. Sono satati quegli occhi elettronici ad aver immortalato la sequenza delle scene prima dell’omicidio di Fabio Frisenda, il 33enne copertinese freddato a colpi d’arma da fuoco, venerdì scorso. Fotogrammi e dichiarazioni rese dai testimoni, hanno fornito una cornice investigativa a stretto giro di posta.

Il suo nome circolava già da diverse ore. Ora ha anche un volto. Luigi Margari, il 34enne ritenuto il responsabile dell’omicidio, si è presentato assieme al proprio avvocato, intorno alle 22, presso la tenenza dei carabinieri di Copertino, guidata dal luogotenente Salvatore Giannuzzi.

Iscritto nel registro degli indagati, il suo nome è comparso nel conferimento dell’esame autoptico sul cadavere della vittima, al medico legale Ermenegildo Colosimo. Dopo 48 ore di irreperibilità, nelle quali a suo dire sarebbe stato ospitato da alcuni parenti della compagna, ha decido di consegnarsi alle forze dell’ordine.

I militari della compagnia di Gallipoli, guidati dal capitano Michele Maselli, lo hanno accompagnato presso il comando provinciale dell’Arma, a Lecce, dove è stato ascoltato assieme ai colleghi del Reparto operativo, diretti dal colonnello Saverio Lombardi, in collaborazione con i carabinieri del Nucleo investigativo, al comando del capitano Biagio Marro. Le dichiarazioni rese dall’uomo agli inquirenti hanno permesso di rintracciare la pistola utilizzata nell’agguato di venerdì scorso. Si tratta di un’arma di fabbricazione croata, calibro 9x19 parabellum, trovata nell’intercapedine di un muretto a secco, alla periferia del capoluogo salentino. La pistola era stata mimetizzata tra le pietre, nei pressi dell’abitazione della madre della convivente. In zona via dei Ferrari.

DSC06995-3Margari è un nome noto alle cronache locali, per un episodio che lo coinvolse il 28 agosto del 2012. Nel primo pomeriggio di quel giorno,  fu raggiunto da 5 proiettili, in una via centrale di Copertino,  a pochi metri di distanza dal Castello del posto. Per quel tentato omicidio è stato condannato, in primo grado, Giuseppe Nicola Vangeli, copertinese di 43 anni, che dovrà scontare 10 anni di reclusione. Stando alle prime dichiarazione rese  da Margari, il motivo del livore nei confronti di Frisenda, sarebbe montato per motivi di natura passionale.

Quel risentimento sarebbe stato covato per due anni: nei giorni di degenza in ospedale, a seguito del ferimento per mano di Vangeli, Frisenda avrebbe mosso delle avance nei confronti della convivente di Margari, approfittando dei giorni di assenza dell’amico. E’ una versione sulla quale gli investigatori, coordinati dai pubblici ministeri Guglielmo Cataldi e Stefania Mininni, il primo dei quali componente della Direzione distrettuale antimafia, vogliono vederci chiaro.

MARGARI LUIGI 1-3Investigatori dell’Arma e  magistrati - presenti durante la conferenza stampa assieme, tra gli altri anche al procuratore generale della repubblica di Lecce, Cataldo Motta – stanno, infatti, indagando sulla presenza di un secondo individuo, notato in via San Cosimo, in quelle ore torride di venerdì 4 luglio. I fotogrammi, rilevanti nel restituire il modello dell’auto di Margari, peraltro unica e riconoscibile per via della calandra del cofano anteriore. Non è dato sapere se, a bordo di quell’Audi A3 vi fosse un complice o se, piuttosto, quest’ultimo fosse nei dintorni, pronto a tendere l’imboscata alla vittima. Margari, dal canto suo, avrebbe negato questa seconda presenza. Ma gli inquirenti hanno mantenuto il massimo riserbo e non è escluso che, già nel corso delle prossime ore, vi possano essere ulteriori, significativi sviluppi.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento