Cronaca

Appropriazione indebita e falsa dichiarazione: guai per una mediatrice familiare

Una 52enne leccese è stata accompagnata dai carabinieri nel carcere: risponde anche di sostituzione di persona

Foto di repertorio.

LECCE – Una mediatrice familiare nei guai a Lecce. Si tratta di Paola Pittini, una 52enne del capoluogo salentino, ritenuta responsabile dei reati di appropriazione indebita – falsità in scrittura privata, abusivo esercizio di una professione falsità commessa dal pubblico ufficiale e dal privato, falsa attestazione o dichiarazione ad un pubblico ufficiale e (sostituzione di persona – truffa.

La donna è stata condannata ad espiare la pena detentiva di 5 anni la 52enne è stata accompagnata nel carcere di Lecce, dopo la condanna per una falsa sentenza di divorzio nei mesi scorsi. PITTINI PAOLA.-2

 Sono stati i carabinieri della stazione leccese ad eseguire il provvedimento di  esecuzione di pene concorrenti nei confronti di condannato in stato di libertà e contestuale ordine di esecuzione emesso dalla Procura della repubblica presso la Corte d’appello di Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appropriazione indebita e falsa dichiarazione: guai per una mediatrice familiare

LeccePrima è in caricamento