Coltiva 11 piante di marijuana tra giardino e box: arrestato un 40enne

Un uomo di Ugento è stato fermato dagli agenti di polizia del commissariato di Taurisano. Sequestrati anche l’intero occorrente per la produzione e alcuni grammi di droga

Le piante di marijuana sequestrate.

UGENTO – Coltiva la marijuana nel giardino di casa: scoperto e arrestato un uomo di Ugento. Cristian Munitello, un 40enne di Ugento, è stato infatti fermato nelle ultime ore dagli agenti del commissariato di Taurisano, guidato dal vicequestore Salvatore Federico. L’uomo è stato accusato di produzione e traffico di marijuana, nonché detenzione ai fini di spaccio della stessa sostanza.

I poliziotti hanno effettuato una perquisizione in casa del 40enne, che ha poi dato esito positivo: all’interno di un marsupio, infatti, uno spinello già preparato ed una bustina in cellophane trasparente sigillata, con della droga. Inoltre, nel giardino dell’abitazione, gli agenti hanno trovato undici vasi di varia grandezza, con delle piante illegali per un peso lordo di 13 chilogrammi. E non è tutto.

Nel garage sottostante l’abitazione è stato rinvenuto tutto l’occorrente per la produzione: un box termico rimovibile, con all’interno due lampade alogene, un ventilatore,  un tubo di areazione, un termometro per misurare la temperatura e l’umidità dell’ambiente, tutto perfettamente funzionante ed in corrente. Tutta la sostanza stupefacente e il materiale utilizzato per il confezionamento sono stati sottoposti a sequestro. Ultimati gli accertamenti, il 40enne è stato condotto presso il carcere di Lecce.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento