Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Palpeggia studentesse durante ripetizioni di matematica. Fermato professore

Un 67enne, ex docente presso un istituto superiore di Lecce, è stato ristretto ai domiciliari dagli agenti della squadra mobile, con l'accusa di violenza sessuale aggravata e continuata. Avrebbe molestato alcune sue allieve, per diversi mesi, spacciandosi per una figura amica anche agli occhi dei genitori delle presunte vittime

Le dirigenti della squadra mobile, durante la conferenza

LECCE – Un cono d’ombra ha oscurato la Lecce “bene” e rispettabile. Un noto professore in pensione, di 67 anni, è finito nei guai con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di almeno tre studentesse di circa 16 anni. “Almeno” perché le vittime potrebbero essere di più rispetto a quelle che hanno deciso di collaborare, denunciando la serie di episodi.

 L’uomo, M.S. le sue iniziali (il nome non è pubblicato per esteso per tutelare le ragazze, ancora minorenni), è stato infatti ristretto al regime degli arresti domiciliari, con l’accusa di violenza sessuale continuata e aggravata, e ritenuto responsabile di aver esercitato un abuso di autorità.

L’ordinanza di custodia cautelare è stata disposta dal gip del Tribunale di Lecce, Giovanni Gallo, su richiesta del pubblico ministero, Stefania Mininni. La misura è stata eseguita nel corso della mattinata dagli agenti della terza sezione  della squadra mobile, coordinati dalla dirigente Sabrina Manzone, esperti in reati in materia sessuale. Il pensionato, ex docente di matematica presso un istituto superiore del capoluogo salentino, avrebbe tradito un legame affettivo consolidato nel tempo, abusando di alcune sue studentesse che, ormai da anni, prendevano ripetizioni da lui, assieme ad altri adolescenti.

L’attività investigativa è partita da due querele sporte tra la fine di ottobre e i primi giorni di novembre del 2013, da due ragazze che hanno raccontato di aver subito molestie sessuali da parte del 67enne due anni addietro. Quest’ultimo, stando alle dichiarazioni delle presunte vittime, avrebbe costruito un rapporto di fiducia nel tempo, basato su consigli da sorta di “fratello maggiore”. Il pensionato avrebbe chiesto loro particolari sui rispettivi fidanzatini, sulle abitudini delle comitive di amici, scendendo su particolari intimi che sono poi sfociati in palpeggiamenti al seno e nelle parti intime, effusioni, baci sul collo e altri tipi di contatto che hanno disorientato le due vittime.

 Mentre per una di esse le violenze sessuali subite ad opera del professore hanno avuto una durata limitata nel tempo, e cioè circa un mese, l’altra minorenne ha dovuto subire le sue condotte per circa un anno. La difficoltà, almeno per quest’ultima, è stata dover comunicare ai propri genitori l’intenzione di non voler più prendere lezioni da quel docente, senza poter al contempo spiegarne le reali motivazioni.

Grazie al supporto di una psicologa, le malcapitate hanno acquisito coraggio, e raccontato gli episodi dapprima ai propri genitori, poi agli inquirenti, dando il via a un procedimento penale. Durante lo svolgimento delle indagini preliminari, peraltro, è emerso che anche altre minori avrebbero ricevuto lo stesso  trattamento durante lo svolgimento dei compiti di matematica. Una di queste ragazze, identificata da dalla polizia giudiziaria, ha confermato l’ipotesi investigativa ma non ha inteso sporgere querela. Oggi la giovane ha 16 anni ma nei suoi confronti le attenzioni morbose del Professore si sono manifestate quando ne aveva appena 13.

Il personale della questura leccese si augura che quanto accaduto possa servire da input per altre eventuali vittime. Hanno pertanto spronato coloro che avessero ricevuto avance e proposte da parte dell’uomo, di recarsi presso gli uffici della squadra mobile assieme ai propri genitori. Così come hanno fatto le loro coraggiose coetanee, che hanno permesso di mettere la parola fine a un incubo condiviso per troppi mesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palpeggia studentesse durante ripetizioni di matematica. Fermato professore

LeccePrima è in caricamento