menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La pizzeria colpita.

La pizzeria colpita.

Nella pizzeria per mettere a segno una rapina, ma il titolare lo insegue: arrestato

Un uomo residente a Lecce è stato fermato, nella serata di martedì, dagli agenti di polizia della sezione volanti. L’episodio a poche decine di metri dalla questura

LECCE – Si presenta nei locali della pizzeria "Rosetta", in via Leuca (nell'omonimo quartiere dove vi è stata una recrudescenza di microcriminalità), per mettere a segno una rapina impugnando un paio di forbici. Ma il piano, riuscito in un primo momento, poi sfuma: il proprietario dell’attività e si mette sulle sue tracce. Inseguito, il malvivente viene bloccato e poi tratto in arresto dalla polizia. L’episodio nella serata di ieri poco prima della chiusura del locale, intorno alle 22. Un 40enne residente a Lecce, Francesco Bettoli, si è presentato nell'esercizio e ha minacciato la vittima con un paio di forbici.

Ha strappato con prepotenza alcune centinaia di euro dalle mani del proprietario della pizzeria, l'incasso della serata, per poi dileguarsi. Il malcapitato ha cominciato a inseguirlo per le vie della zona, mentre il 40enne gli intimava di lasciarlo andare, altrimenti sarebbero stati "guai seri". E invece il proprietario della pizzeria, che non si è lasciato intimorire dalle minacce, ha continuato a corrergli dietro, tenendolo sotto osservazione. Nonostante il rapinatore abbia più volte cercato di nascondersi tra le auto in sosta (e persino in una cabina telefonica, dove ha lasciato il proprio giubbotto per non essere riconosciuto), alla fine è stato incastrato dalla polizia. La vittima aveva infatti chiesto a un cliente, incrociato per caso per srada, di allertare la sala operativa del 113.

forbice rapina-2Bettoli è stato finalmente fermato da due pattuglie degli agenti di polizia, in una strada a poche decine di metri dalla questura. A quel punto, ha lanciato le banconote rubate poco prima, ormai stropicciate, contro il proprietario della pizzeria. Al termine degli accertamenti da parte del personale delle volanti di viale Otranto, diretto dal vicequestore Eliana Martella, il rapinatore è finito in manette.

Gli accertamenti successivi hanno permesso di rinvenire il giubbotto, le forbici, guanti, sciarpa e cappellino nero, utilizzati nella rapina,  chiaramente videoripresa dal sistema di sorveglianza interno del locale.  Su disposizione del pm di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, è stato condotto presso il carcere di Borgo San Nicola.  Risponderà delle accuse di rapina aggravata e porto di oggetti atti ad offendere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento